Al via i saldi estivi nel 2021. Apre la Sicilia da giovedì 1 luglio, segue la gran parte delle Regioni dal 3. Il calendario completo.

Il 1 luglio iniziano i saldi estivi 2021, con la Sicilia che fa da apripista. Seguono, a partire dal 3 luglio Abruzzo, Calabria, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Lombardia, Liguria, Marche, Molise, Piemonte, Sardegna, Toscana, Umbria, Valle d’Aosta e Veneto. L’ultima regione a partire è la Basilicata, che parte solo il 2 agosto.

Saldi estivi 2021, il calendario regione per regione

Andiamo a vedere il calendario dei saldi in base alle informazioni note e con il dubbio delle ultime ore legato alla Campania, che fino agli ultimi giorni di luglio non aveva comunicato una data ufficiale ma aveva pensato di posticipare l’inizio dei saldi.

Sicilia: da giovedì 1 luglio a mercoledì 15 settembre

Abruzzo: da sabato 3 luglio a martedì 31 agosto
Calabria: da sabato 3 luglio a mercoledì 1 settembre
Campania: da sabato 3 luglio a martedì 31 agosto
Emilia-Romagna: da sabato 3 luglio a martedì 31 agosto
Friuli-Venezia Giulia: da sabato 3 luglio
Lazio: da sabato 3 luglio a venerdì 13 agosto
Liguria: da sabato 3 luglio a lunedì 16 agosto
Lombardia: da sabato 3 luglio a martedì 31 agosto
Marche: da sabato 3 luglio a mercoledì 1 settembre
Molise: sabato 3 luglio a martedì 31 agosto
Piemonte: da sabato 3 luglio a sabato 28 agosto
Sardegna: da sabato 3 luglio a venerdì 3 settembre
Toscana: da sabato 3 luglio a martedì 31 agosto
Umbria: da sabato 3 luglio a martedì 31 agosto
Valle d’Aosta: da sabato 3 luglio a giovedì 30 settembre
Veneto: da sabato 3 luglio a martedì 31 agosto

Puglia: da sabato 24 luglio a mercoledì 15 settembre

Basilicata: da lunedì 2 agosto al 30 settembre

Trento e Provincia: i commercianti scelgono autonomamente la data di inizio dei saldi.

Bolzano e Provincia: ogni Comune stabilisce il proprio calendario dei saldi.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Saldi invernali
Saldi

Le stime

Confcommercio stima una spesa media di 171 euro a famiglia. Quindi i saldi dovrebbero generare operazioni per 2 miliardi e mezzo di euro circa.

La certezza è che i saldi estivi rappresentano una tappa fondamentale per la ripresa economica del settore del commercio, messo in seria difficoltà dalle restrizioni legate all’emergenza sanitaria.


Bollette, nel terzo trimestre +9,9 per cento per la luce e +15,3 per cento per il gas

Istat, il deficit del primo trimestre sale al 13,5 per cento