Borse 4 ottobre 2021, Milano apre la settimana in calo. Lo spread ritorna sopra i 104 punti.

MILANO – Borse 4 ottobre 2021. Prima seduta negativa per i mercati europei. A pesare sempre l’inflazione e le incertezze sul futuro della pandemia.

In Asia i fari erano puntati su Evergrande. L’azienda è stata costretta a sospendere le contrattazioni in attesa dell’annuncio di una importante transazione. Secondo quanto riferito dal Corriere della Sera, un magnate invisibile sarebbe pronto a mettere sul piatto un’offerta da oltre 5 miliardi per salvare il colosso. Nelle prossime ore su questo tema ci potrebbero essere importanti novità, ma fino a quando non ci sarà la fumata bianca la multinazionale non dovrebbe riprendere gli scambi.

Milano in negativo

Apertura della settimana in rosso per Milano. In questa prima seduta Piazza Affari ha lasciato per strada lo 0,6%, confermandosi in linea con gli altri indici. Parigi ha perso come il listino italiano, mentre Francoforte ha lasciato per strada lo 0,7%. Ha limitato i danni, invece, Londra (-0,2%).

Si continua con un andamento misto in Asia. L’unica in positivo è stata Shanghai (+0,9%). Male sia Tokyo (-1,13%) che Hong Kong (-2,25%), mentre Seul ha chiuso invariata. Inizio complicato per Wall Street. Il Dow Jones ha perso lo 0,94%, il Nasdaq il 2,14%.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

SH_Wall_Strett
SH_Wall_Strett

I mercati in tempo reale

Spread in rialzo

Lo spread è tornato a salire in questa prima seduta settimanale. Il differenziale ha chiuso in area 104 punti, con il decennale allo 0,82%. Una seduta che è ha segnato un rialzo anche dell’euro. La moneta europea è passata di mano a 1,1622 dollari e 128,90 yen.

Continua, invece, la corsa del petrolio in questo primo lunedì del mese dopo la decisione dei Paesi Opec+ di aumentare la produzione di 400mila barili al giorno. Il contratto Wti è salito a 76,99 dollari al barile, il Brent a 80 dollari.

ultimo aggiornamento: 04-10-2021


Chi è Roberto Gualtieri

Visco: “La crescita al 6 per cento dipenderà dalle vaccinazioni”