Borse 8 ottobre 2021, Piazza Affari chiude la settimana in positivo. Lo spread ritorna in calo.

MILANO – Borse 8 ottobre 2021. Si conferma un trend abbastanza positivo per i mercati dopo la frenata del prezzo del gas in questi ultimi giorni.

E’ stata una sessione fortemente condizionata dai dati non positivi sui nuovi posti di lavoro negli Stati Uniti. Nel mese di settembre, secondo i dati ufficiali arrivati dagli Usa, sono stati creati 194mila nuovi posti di lavoro. Numeri molto più bassi rispetto alle attese che ne prevedevano 500mila. Dati che sembrano confermare un leggero rallentamento dell’economia americana. In Germania, invece, ha messo il freno l’export con una diminuzione dell’1,2% nel mese di agosto rispetto a luglio. In aumento le importazioni (+3,5%).

Green Pass obbligatorio, tutte le regole da rispettare

Piazza Affari in positivo

Piazza Affari ha chiuso la settimana in positivo con un rialzo dello 0,2%. Un trend simile anche per Londra, mentre Parigi e Francoforte hanno frenato chiudendo con una perdita dello 0,6% e dello 0,29%.

Ritorna, invece, un andamento misto in Asia. L’unica a chiudere in negativo è stata Seul (-0,29%). Bene, invece, tutti gli altri indici: Hong Kong (+0,35%), Tokyo (+1,34%) e Shanghai (+0,67%). Dati americani sui nuovi posti di lavori che frenano Wall Street e rischiano di condizionare anche la prima seduta della prossima settimana. Il Dow Jones in questa ultima seduta ha lasciato per strada lo 0,03%, il Nasdaq lo 0,51%.

Wall Street
Wall Street

I mercati in tempo reale

Spread in calo

Si conferma, invece, ancora una volta in calo lo spread. Il differenziale ha chiuso in area 102 punti con il decennale intorno allo 0,87%. Ritorna in leggera crescita l’euro. La moneta europea ha guadagnato intorno allo 0,10% chiudendo la seduta a 1,1569 dollari.

Per quanto riguarda il petrolio, invece, il contratto Wti ha guadagnato il 2,2% superando la soglia degli 80 dollari al barile. Bene anche il Brent a 83,34 dollari (+1,70%).

ultimo aggiornamento: 08-10-2021


Crisi Alfa Romeo, le auto saranno prodotte su richiesta

Ocse, svolta sulla minimum tax: aderiscono 136 su 140 Stati membri