Borse 9 marzo, Piazza Affari in positivo. Lo spread ritorna in area 100 punti.

MILANO – Borse 9 marzo. Continua l’andamento positivo dei mercati del Vecchio Continente. La possibile accelerazione nella campagna vaccinale e l’arrivo delle temperature più calde che potrebbero portare ad una riduzione delle misure restrittive hanno portato i listini in crescita in questa seconda seduta settimanale.

Un andamento destinato ad essere confermato anche nei prossimi giorni soprattutto in caso di approvazione del vaccino Johnson&Johnson, un’arma in più contro il coronavirus.

Borse 9 marzo, Piazza Affari in positivo

Dopo il rialzo importante avuto nella prima seduta settimana, Piazza Affari ha rallentato un po’ la crescita. Per Milano, la Maglia Rosa di questa giornata, ha registrato un rialzo dello 0,57%. Chiusura più debole per gli altri listini. Francoforte ha guadagnato lo 0,44%, Londra lo 0,15% e Parigi lo 0,37%.

La giornata dei mercati si era aperto con l’andamento contrastato della borsa asiatica. In positivo Tokyo (+0,99%) e Hong Kong (+0,46%). In negativo, invece, Shanghai (-0,82%) e Seul (-0,67%). Trend che potrebbe cambiare nella seconda parte della settimana. Il Nasdaq ha segnato un progresso del +3,69%. Più o meno stabile il Dow Jones con una crescita dello 0,10%.

Wall Street
Wall Street

I mercati in tempo reale

Spread in discesa

Continua la leggera discesa dello spread. Il differenziale ha chiuso in area 100 punti, con il decennale che è ritornato allo 0,7%. Un trend che si spera di confermarlo anche nei prossimi giorni per avere maggiore fiducia sulla ripresa dell’economia. L’euro è passato di mano intorno ai 1,1880 dollari. Per la moneta europea, che ha chiuso a 118,80 yen, aveva iniziato la seduta in zona 1,1850 dollari, numeri ai minimi dallo scorso novembre.

Per quanto riguarda il petrolio, il Wti ha registrato un leggero calo (-0,2%) rispetto alla giornata precedente con una quota 64,9 dollari al barile. Un andamento in calo in questa settimana dopo una leggera ripresa ad inizio marzo dopo la decisione di Opec+.


Ocse, per l’Italia una crescita intorno al 4 per cento nel 2021

Slitta il decreto Sostegno