Da Bruxelles attaccano l’Italia sui rom: “Giocano col fuoco. Siamo preoccupati per la situazione. Continueremo a sorvegliare la situazione”.

ROMA – Nuovo botta e risposta tra Bruxelles e il ministro Matteo Salvini. Il commissario alla Giustizia, Vera Jurova, in un intervento si è detta preoccupata per la situazione dei rom in Italia: “Il governo – riporta il sito dell’ANSA – gioca col fuoco. In passato abbiamo visto queste categorizzazioni in alcune parti della società. In qualche documento nazista scrivevano che erano bocche inutili da sfamare. In questi giorni si ricorda un passato oscuro. Se dimentichiamo la lezione, questo si potrebbe ripetere di nuovo“.

In Italia e in altri Paesi – continua la commissaria – seguiamo le questioni di sanità, abitazioni, lavoro, educazione e altri fattori alla base della discriminazione dei rom e continueremo a farlo. Attraverso il nostro lavoro con i giganti sullo hate speech online, riusciamo a vedere la mappa dell’odio nei vari Stati membri. Dopo la grande ondata dei migranti, ora sono i rom ad essere in cima alla lista“.

Rom, Matteo Salvini replica alla Jurova: “Solamente sciocchezze”

La risposta di Matteo Salvini non si è fatta attendere: “Ancora sciocchezze da Bruxelles – scrive sui suoi profili social – perché la signora non viene a visitare un campo rom a Roma o a Milano, fra armi illegalità, bambini sfruttati e oggetti rubati? Così magari si sveglia e cambia idea. Io voglio ordine e regole“.

Un nuovo botta e risposta quindi tra Roma e Bruxelles, con questa volta argomento i rom. Il ministro Salvini ha ribadito la linea dura senza nessun passo indietro anche se dall’Unione Europa predicano un approccio più morbido per evitare di ritornare ai tempi delle dittature.

Di seguito il post di Matteo Salvini sui rom

Ancora sciocchezze da Bruxelles.Perché la signora commissaria non viene a visitare un Campo Rom a Roma o Milano, fra…

Pubblicato da Matteo Salvini su Venerdì 26 ottobre 2018

fonte foto copertina https://twitter.com/TgLa7


Affido condiviso, l’ONU contro il Ddl Pillon: “È grave regressione”

Standard and Poor conferma il rating dell’Italia. Conte: evitiamo una stretta recessiva