Balotelli torna ad allenarsi ma viene fermato e torna a casa. Nuovo capitolo del caso Super Mario-Brescia.

Nuovo capitolo del caso Balotelli e Brescia, con il centravanti tornato ad allenarsi, o meglio, tornato al centro di allenamento, dove è stato fermato e rimandato a casa.

Brescia, Balotelli torna ad allenarsi ma viene fermato. Torna a casa

Balotelli ha raggiunto il centro sportivo di Torbole Casaglia per prendere parte agli allenamenti in vista dell’ormai imminente ripresa del campionato.

Super Mario è stato fermato all’ingresso del centro sportivo e rimandato a casa, sembra, secondo quanto riferito dall’Ansa, per un giorno di riposo.

Mario Balotelli Brescia
Mario Balotelli

Il caso Balotelli

Il caso Balotelli è nato dalla decisione dell’attaccante di non prendere parte agli allenamenti senza rispondere quindi alla convocazione della squadra. Mario ha poi presentato un certificato con il quale si attestava una gastroenterite acuta.

Il Brescia ha risposto inviando al giocatore una lettera con la richiesta di rescissione unilaterale del contratto.

Balotelli, secondo le ricostruzioni della stampa, con una mail inviata nella giornata dell’8 giugno, informava il club che sarebbe tornato ad allenarsi nella giornata del 9 giugno, E avrebbe avuto il diritto a farlo visto che attualmente è sotto contratto con il club.

Al centro sportivo è stato accolto da un membro dello staff. Balotelli avrebbe parlato al telefono con la dirigenza che lo avrebbe informato di non aver preparato per lui il programma di lavoro per mancanza di tempo. Questo perché la società avrebbe letto la mail solo nella giornata del 9 giugno. A questo punto Balo è tornato a casa per un giorno di riposo e dovrebbe ripresentarsi al centro sportivo nella giornata del 10 giugno.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
brescia calcio calcio news evidenza Mario Balotelli sport

ultimo aggiornamento: 09-06-2020


Algoritmo, campionato femminile e promozioni in B: le decisioni del Consiglio Federale

Marotta, “Come Serie A siamo stati messi dietro alla lavagna”