Buoni spesa, polemiche a Parma e Ferrara dopo le ordinanze

Buoni spesa nella polemica, a Ferrara “prima gli italiani”. A Parma si chiede il “bollino antifascista”. Pizzarotti, ‘Un errore’

Buoni spesa, polemiche a Parma e Ferrara per la scelta dei sindaci. FdI si rivolge al Governo.

ROMA – L’avvio dei buoni spesa non è stato dei migliori. A Ferrara, per esempio, il primo cittadino ha deciso di assegnare i fondi istituiti dal Governo per aiutare la popolazione in questo momento di difficoltà economica alle persone che hanno cittadinanza italiana o europea, un permesso di soggiorno di lungo periodo, la carta di soggiorno per familiare, comunitario o extra comunitario, di cittadino dell’Unione Europea.

Una decisione che ha scatenato l’ira dell’opposizione anche se il sindaco Fabbri si è difeso: “Devono essere usufruiti da chi non ha altri aiuti“.

Polemiche anche a Parma

Polemiche anche a Parma. In questo caso per accedere ai buoni spesa deve avere il “bollino antifascista”. “Chi chiede il beneficio – si legge nel provvedimento – deve firmare una dichiarazione nella quale attesta di riconoscersi nei valori della Costituzione e della democrazia, ripudiando nazismo, fascismo, xenofobia e razzismo“.

Una decisione che ha provocato la dura reazione da parte di Fratelli d’Italia. Il partito di Giorgia Meloni ha chiesto l’intervento del Governo per cambiare il provvedimento.

euro
euro

Pizzarotti si difende: “Solo un errore”

Le critiche sono arrivate da destra e sinistra con il sindaco di Parma, Federico Pizzarotti, che si è difeso: “E’ stato un errore. Hanno inserito parte di un regolamento che vale per le sale civiche, patrocini e contributi per attività ed eventi. Da noi è così e rimarrà sempre così. Ma non vale per i buoni spesa, correggeremo e ringrazio chi lo ha fatto notare con gentilezza“.

E aggiunge: “Non sarebbe stato comunque vero che i bonus spesa vengono negati a chi non si affermi antifascista. Il Primato nazionale e la signora Meloni sono notori dispensatori d bufale. Chi ha bisogno chieda di accedere ai bonus spesa. A Parma nessuno viene lasciato indietro“.

Scarica QUI la guida con tutte le precauzioni da prendere per limitare il contagio da coronavirus.

ultimo aggiornamento: 05-04-2020

X