Il calciomercato del Milan nel 1986: i primi colpo di Berlusconi

Calciomercato story – 1986, il primo targato Silvio Berlusconi

Nel 1986 il nuovo proprietario del Milan, Silvio Berlusconi, si lancia con forza nel calciomercato. In rossonero arrivano Giovanni Galli, Bonetti, Donadoni, Massaro e Galderisi.

Nella stagione 1985/86 il Milan rischia di fallire a causa della gestione di Farina ma l’avvento di Silvio Berlusconi al comando del club meneghino rivitalizza tutto l’ambiente rossonero. La squadra allenata da Liedholm è fuori dalle coppe europee ma può contare su una buonissima base tecnica: Baresi, Tassotti e Filippo Galli in difesa, Di Bartolomei e Wilkins a centrocampo, Hateley e Virdis in attacco.

Protagonismo nel calciomercato

Nell’estate del 1986, il Milan pianifica un calciomercato da assoluto protagonista, volano per rinforzare la squadra. Ariedo Braida individua i giocatori giusti, Adriano Galliani affonda le trattative; la Fininvest di Berlusconi apre il portafogli. Schema perfetto per oltre un quarto di secolo…

Sacchi Europa League Milan

Dalla porta all’attacco

Uno dei primi colpi di calciomercato nella nuova era rossonera è Giovanni Galli, portiere della Fiorentina e della Nazionale: il 27enne toscano approda al Milan per oltre 7 miliardi di lire. Terraneo viene così ceduto alla Lazio. In difesa arriva Dario Bonetti, potentissimo stopper della Roma: ai giallorossi vanno un paio di miliardi. Dalla Fiorentina viene acquistato anche Daniele Massaro per quasi 7 miliardi: il mediano brianzolo viene impiegato inizialmente come ala destra. In attacco, poi, il colpo Galderisi: il Nanu, protagonista dello scudetto del Verona, sbarca in rossonero per 5 miliardi più il cartellino di Paolo Rossi, il quale ha deluso al Milan.

Beffata la Juventus

Il colpo più grande del calciomercato del 1986 del Milan è però senza dubbio il tesseramento di Roberto Donadoni. Il trequartista dell’Atalanta è uno dei migliori talenti emergenti del calcio italiano e la Juventus è pronta a farlo proprio, sfruttando i rapporti privilegiati con il patron nerazzurro Bortolotti. La caparbietà di Berlusconi ha però la meglio: 4 miliardi e mezzo più Icardi e Incocciati!

ultimo aggiornamento: 18-08-2018

X