Cambio delle gomme invernali: quando va fatto? Ecco tutte le informazioni sulla normativa, il costo, le date e il periodo d’obbligo dei pneumatici invernali.

Il 15 aprile di ogni anno scade l’obbligo di legge che impone l’utilizzo delle gomme invernali sui tratti stradali che prevedono tale misura di sicurezza. Con la primavera oramai alle porte, il cambio dei pneumatici diventa un’incombenza per molti automobilisti. Nel 2020 e nel 2021, però, l’obbligo è stato prorogato di un mese, quindi il termine ultimo per il cambio gomme sarà il 15 maggio.

La divisione stagionale per l’utilizzo delle gomme è stata introdotta da una direttiva ministeriale del 2013 in reazione alla Legge 120 del 2010 che autorizza i gestori delle strade a imporre restrizioni in materia di circolazione durante i periodi invernali.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Gomme invernali: il periodo per montarle

L’obbligo delle gomme invernali – per legge, a meno di modifiche come nel caso del 2020 – va dal 15 novembre al 15 aprile. Questo tipo di pneumatico è indicato sulla carta di circolazione, è marcato ‘MS’ ed ha un codice di velocità pari od inferiore a quello indicato sulla carta di circolazione, con limitazioni diverse in base alla tipologia di veicolo.

Cambio gomme invernali
Cambio gomme invernali

Per il cambio gomme invernali non c’è fretta insomma, anche perché esiste, infatti, un periodo di ‘tolleranza‘ previsto dalla legge, che va dal 16 aprile al 15 maggio. Durante questo lasso di tempo, i veicoli che montano pneumatici invernali possono circolare liberamente, “in attesa di sostituire i pneumatici per l’uso invernale con quelli per l’uso estivo (aventi codice di velocità pari o superiore a quello indicato sulla carta di circolazione)“. Stando a questa norma, il periodo prorogato di fatto cambia poco per tutti gli automobilisti, ma è bene conoscere le regole precise.

Bisogna precisare che l’obbligo di cambiare le gomme non riguarda tutti i veicoli ma solo quelli che montano pneumatici contraddistinti da un codice di velocità inferiore a quello riportato sulla carta di circolazione. Per le autovetture, il codice di velocità (rappresentato da una lettera) non può essere inferiore a Q (ossia 160 km/h), mentre per autobus e veicoli industriali il limite è J e per i motoveicoli è M.

La normativa per gomme invernali e la stagionalità

Nello specifico, la normativa che prevede l’uso delle gomme termiche nel periodo stabilito e di quelle estive nel seguente periodo è relativa alla Legge 120 del 2010, come già detto. Se si va a leggere un parte del testo di questo legge, che ha modificato l’articolo 6 del Codice della Strada (Regolamentazione della circolazione fuori dei centri abitati), si può riesce a capire meglio. Il titolo della normativa è Disposizioni in materia di sicurezza stradale:

l’ente proprietario della strada può, […], prescrivere che i veicoli siano muniti ovvero abbiano a bordo mezzi antisdrucciolevoli o pneumatici invernali idonei alla marcia su neve o su ghiaccio; […]“.

In sintesi, è obbligatorio montare pneumatici invernali nel periodo stabilito, in alternativa è necessario avere mezzi antisdrucciolevoli, cioè le catene a bordo, per in incorrere a sanzioni.

Cambio gomme invernali
Fonte foto: https://pixabay.com/it/catene-da-neve-inverno-neve-3029596/

Le sanzioni per mancato cambio gomme

La legge prevede anche sanzioni amministrative per chi, oltre il mese di ‘tolleranza’, non ha provveduto per tempo a cambiare le gomme invernali con quelle estive. Nello specifico, la multa ammonta ad 85 euro (scontata a 59.90 se il sanzionato provvede al pagamento entro cinque giorni dalla verbalizzazione). Inoltre, al momento della notifica della sanzione, l’agente può anche disporre il divieto di proseguire la circolazione. L’infrazione di tale divieto può essere ulteriormente sanzionata con una multa di identica entità (85 euro, che si riducono a 59.90 se pagati entro cinque giorni).

L’obbligo delle gomme estive resterà in vigore dal 16 aprile (16 maggio per l’anno 2020) al 14 ottobre. Durante questo lasso di tempo sarà quindi proibito circolare con gomme del tipo M+S con codice di velocità più basso di quello indicato sulla carta di circolazione. Oltre alle sanzioni pecuniarie, chi trasgredisce a tale obbligo rischia il ritiro della carta di circolazione e l’invio della vettura in revisione.

Il costo del cambio gomme auto invernali

Per quanto riguarda il costo del cambio gomme, bisogna innanzitutto farsi cambiare gli pneumatici in un centro specializzato e abilitato per questo tipo di lavoro. Il prezzo del cambio gomme non è unico e può variare a seconda dell’azienda o del centro in cui si va.

Mediamente, il costo si aggira sui 10 euro a ruota. Con quattro ruote il prezzo sarà di 40 euro, e non bisogna dimenticare l’equilibratura della ruote e la sostituzione della valvola. Bisogna poi aggiungere il costo del deposito dell’auto, che i gommisti fanno pagare mediamente 20 euro.

Fonte foto: https://pixabay.com/it/pneumatici-invernali-maturo-3198543/, https://pixabay.com/it/catene-da-neve-inverno-neve-3029596/

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 27-04-2020


La Formula 1 studia la ripartenza: porte chiuse e trasferte limitate per i team

Domenicali ‘incorona’ Leclerc: “Ha talento”. E sul ritorno in Ferrari…