La presidente della Commissione europea, Ursula von der leyen, si incontrerà con i leader Ue per discutere sul Price cap.

La Commissione europea ha approvato il provvedimento del price cap sull’energia. Von der leyen: “Limitare impatto inflazionistico”. A causa delle conseguenze emerse con gli scontri tra Russia e Ucraina, il prezzo dell’energia ha subito forti rimbalzi in tutta Europa.

Durante l’ultima riunione della Commissione, la presidente Ursula Von der leyen ha fatto riferimento all’esigenza di un limite massimo temporaneo al costo del gas, in attesa di un nuovo indice dei prezzi alternativo al Ttf olandese.

La proposta sarebbe quella di introdurre due tetti differenti al prezzo del gas: ciò a causa del caro bollette a cui stiamo assistendo a livello europeo. A causa di ciò, la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha concesso agli oltre quindici Paesi Ue un price cap.

Europa Unione europea UE

Nella fattispecie si tratta di una limitazione di prezzo da applicare al gas importato verso l’Europa. I leader dell’Unione europea si incontreranno a Praga, dove si terrà una riunione di due giorni di vertice informale. Ursula Von der leyen, presidente della Commissione, ha parlato della necessità di introdurre “un tetto massimo al prezzo del gas utilizzato per la produzione di energia elettrica” con lo scopo di “ridurre i prezzi” in vista “di una riforma strutturale del mercato”. La riforma in questione verrà presentata entro la fine dell’anno.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Von der leyen: “Limitare impatto inflazionistico”

Con il provvedimento l’Ue si pone lo scopo di contenere gli esorbitanti prezzi in bolletta a causa dell’aumento dell’energia. “I prezzi elevati del gas fanno lievitare i prezzi dell’elettricità. Dobbiamo limitare questo impatto inflazionistico del gas sull’elettricità ovunque in Europa. Per questo motivo siamo pronti a discutere un tetto al prezzo del gas utilizzato per generare elettricità. Questo tetto sarebbe anche un primo passo verso una riforma strutturale del mercato dell’elettricità”.

Per questo “la Commissione ha avviato i lavori su un indice dei prezzi dell’Ue complementare per riflettere meglio la realtà energetica europea di oggi e garantire un mercato più funzionante che favorisca prezzi più bassi. In attesa dell’introduzione di tale benchmark complementare dovremmo considerare una limitazione del prezzo in relazione al Ttf”.

Se anche quest’ultimo tetto verrà introdotto “dovranno essere preparati obblighi di risparmio di gas più impegnativi, resi possibili da aste di riduzione della domanda a livello dell’Ue, nonché accordi vincolanti di solidarietà tra gli Stati membri”, ha dichiarato Von der leyen.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 06-10-2022


Bonus trasporti: chi lo può chiedere e come funziona

Le vere stangate devono ancora arrivare