Nuova impennata sui prezzi della benzina: per quale motivo si verificano queste oscillazioni sui prezzi dei carburanti?

Nuovo aumento per quanto riguarda i prezzi del carburante. Il caro benzina si fa sentire nuovamente, con aumenti sia nel self che nel servito. I prezzi del carburante – diesel e benzina – continuano a crescere. Il prezzo dei carburanti continua a salire e non dà tregua alle tasche degli italiani. Il caro benzina è determinato dai rialzi sui mercati petroliferi internazionali, che continuano a far lievitare il prezzo del carburante.

Pompa benzina

Le quotazioni internazionali hanno chiuso in forte rialzo. Nella fattispecie, gli aumenti hanno coinvolto specialmente il diesel. Nella giornata di oggi Eni interviene sui prezzi raccomandati aumentando di due centesimi la benzina e il diesel.

Secondo quanto riferito dal Quotidiano Energia dei dati comunicati dai gestori all’Osserva prezzi del Mise aggiornati alle 8 del 4 ottobre, il prezzo medio nazionale praticato della benzina in modalità self è 1,641 euro/litro(1,639 il dato di ieri), con i diversi marchi compresi tra 1,632e 1,646 euro/litro (no logo 1,645). Il prezzo medio praticato del diesel self si posiziona a 1,745 euro/litro (contro 1,744), con le compagnie tra 1,738 e 1,749 euro/litro (no logo 1,748).

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Prezzo del servito

Il prezzo del servito, per la benzina il prezzo medio praticato è 1,791 euro/litro (1,793 il dato precedente), con gli impianti colorati che praticano prezzi tra 1,732 e 1,844 euro/litro (no logo 1,701). Il diesel servito va a 1,893 euro/litro( contro 1,895), con i punti vendita delle compagnie che praticano prezzi medi compresi tra 1,834 e 1,952 euro/litro (no logo 1,802). I prezzi praticati del Gpl si posizionano tra 0,790 a 0,814 euro/litro (no logo 0,782). Il metano auto si colloca tra 2,897 e 3,583 (no logo 2,957).

Ma per quale motivo si verificano queste oscillazioni suoi prezzi? A incidere sono le accise e l’Iva. Tutti i Paesi tassano il carburante ma l’Italia resta in testa alla classifica per il peso fiscale a litro. Ad esempio, negli Stati Uniti la benzina costa circa la metà di quanto la paghiamo noi in Italia.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 07-10-2022


Crisi energetica, Draghi: “Affrontare insieme la crisi”

Gas: cos’è il price cap dinamico