Quotidiano Energia ha riferito le medie nazionali praticate dai gestori dei distributori: lieve calo sul caro carburante.

Continua la corsa ai prezzi di diesel e benzina, ed il nuovo governo Meloni per limitare il caro carburante ha introdotto un nuovo provvedimento per ribassare i prezzi. Le medie risultano oggi in calo per quanto riguarda i prezzi di diesel e benzina.

Pompa benzina

In seguito all’attuazione dei nuovi interventi del governo Giorgia Meloni, scendono i prezzi del carburante. Eni ha abbassato di due centesimi il prezzo raccomandato sia per il diesel che per la benzina. Invece i distributori Q8 hanno ridotto di due centesimi il prezzo della benzina e di un centesimo il prezzo del diesel.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

I dati di Quotidiano Energia

Ancora le riduzioni sul caro carburante non sono definitive. Nel frattempo si registrano comunque lievi cali. Secondo quanto riferito da Quotidiano Energia, in seguito all’elaborazione dei dati comunicati dai gestori all’Osservaprezzi del Mimit – aggiornati alle 8 di ieri 15 novembre – il prezzo medio nazionale praticato della benzina in modalità self resta a 1,717 euro/litro, con i diversi marchi compresi tra 1,710 e 1,719 euro/litro (no logo 1,720). Il prezzo medio praticato del diesel self è 1,845 euro/litro (contro 1,852 di ieri), con le compagnie tra 1,835 e 1,855 euro/litro (no logo 1,843).

Per quanto riguarda il servito, per la benzina il prezzo medio praticato è fermo a 1,866 euro/litro con gli impianti colorati che praticano prezzi tra 1,805 e 1,923 euro/litro (no logo 1,775). La media del diesel servito va a 1,991 euro/litro (contro 1,997 di ieri), con i punti vendita delle compagnie che praticano prezzi medi compresi tra 1,928 e 2,041 euro/litro (no logo 1,897). I prezzi del Gpl si posizionano tra 0,774 a 0,792 euro/litro (no logo 0,763). Infine, il prezzo medio del metano auto si colloca tra 1,983 e 2,409 (no logo 2,095).

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 16-11-2022


Farmaci generici a rischio: “Costi alti di energia e materie prime”

Price cap, Francia, Italia e Romania spingono per il tetto massimo