Continuano le indagini sulla morte di Alice Neri, mamma 32enne residente a Modena. Il fratello: “Viviamo un incubo pazzesco”.

Proseguono le indagini sulla morte di Alice Neri, la 32enne trovata carbonizzata all’interno del bagagliaio della sua automobile a Fossa Concordia, a Modena. Per la giornata di oggi è stata incaricata la consulenza tecnica irripetibile per prelevare il Dna.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

La vicenda

Alice Neri era madre di una bambina. Da due giorni non aveva più fatto rientro a casa. A sporgere la denuncia della sua scomparsa il suo stesso marito, Nicholas Negrini, lo scorso 17 novembre. La donna non avrebbe più fatto rientro nella loro casa di Rami di Ravarino.

Carabinieri

Il fratello della vittima, Matteo Neri: “Ero il suo supereroe. Mio cognato ora è con la loro bambina”. E prosegue: “Stiamo vivendo un incubo pazzesco. Sto vicino a mamma, siamo una grande famiglia molto unita e ci sono tante persone che ci vogliono bene e che si sono mobilitate per stare con noi h24″.

In seguito alle prime attività investigative, i militari hanno già sequestrato alcuni oggetti personali appartenenti ad Alice. Inoltre gli inquirenti hanno convocato il marito della donna in caserma, per poterlo ascoltare. Per il momento l’uomo è libero, ma risulta iscritto nel registro degli indagati. Secondo quanto appreso starebbe anche collaborando con i militari per scoprire cosa sia successo a sua moglie.

Durante un’intervista a “Il Resto del Carlono”, il fratello della vittima ha dichiarato: “È sempre stata la mia ‘bimba’ io ero il suo ‘supereroe’, quando Alice aveva problemi da risolvere si rivolgeva sempre a me. Mio cognato Nicholas ed io, grazie al localizzatore del telefono di Alice, siamo riusciti a risalire al posto dove era stata l’ultima volta che il cellulare è rimasto acceso. Per tutto il pomeriggio ho setacciato il paese e la campagna con la speranza di vedere la sua macchina. A posteriori, mi pare di poter dire anche di essere passato vicino al luogo del ritrovamento”, dice.

Sul cognato, il fratello di Alice dice: “Ora lui pensa a proteggere la loro meravigliosa bimba, sta cercando di salvaguardarla il più possibile. Non riesce neanche più a tornare a casa sua, sempre assediata da tutti. Sta con la sua bimba”.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

giallo

ultimo aggiornamento: 22-11-2022


Caso De Pau, l’inchiesta sulla morte delle tre prostitute 

Ndrangheta: il governo scioglie i comuni di Anzio e Cosoleto