Caso Consip, arrivano le decisioni. Renzi sbotta: "Chiedere scusa"
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Caso Consip, arrivano le decisioni. Renzi sbotta: “Chiedere scusa”

Matteo Renzi

Due condanne e 8 assoluzioni, tra cui quella del padre di Matteo Renzi, Tiziano. Le decisioni sul caso Consip e la reazione del politico.

Sono arrivate le decisioni ufficiali dei giudici per quanto concerne il caso Consip. L’esito è stato di due condanne e di 8 assoluzioni, tra cui quella del padre di Matteo Renzi, Tiziano, insieme a quella dell’ex ministro Luca Lotti e di altre figure ben note al panorama politico italiano. Il leader di Italia Viva, sui socia, è intervenuto sull’argomento anche a sostegno del genitore.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

Matteo Renzi
Matteo Renzi

Caso Consip, assolti Tiziano Renzi e Luca Lotti

Si è arrivati ad una decisione per quanto concerne il famoso caso Consip. Nel procedimento, avviato nel 2016, la Procura di Roma contestava, a vario titolo, i reati di millantato credito, traffico d’influenze, tentata estorsione, favoreggiamento, falso, rilevazione di segreto. Tra le persone coinvolte era presente anche il padre di Matteo Renzi, Tiziano.

Il pm Mario Palazzi, il 22 dicembre scorso, aveva sollecitato otto richieste di condanna e due di assoluzione, cosa che prontamente è avvenuta.

I giudici della ottava sezione hanno condannato l’ex maggiore del Noe, Gian Paolo Scafarto a 1 anno e 6 mesi e a 3 mesi il colonello dei carabinieri Alessandro Sessa. Per quanto concerne le assoluzioni, invece, oltre al padre del leader di Italia Viva e l’ex ministro Luca Lotti, assolti pure gli imprenditori Alfredo Romeo e Carlo Russo, l’ex parlamentare Italo Bocchino, l’ex comandante dei carabinieri della Legione Toscana, Emanuele Saltalamacchia, l’ex presidente di Pubbliacqua Firenze, Filippo Vannoni e Stefano Pandimiglio.

Lo sfogo social di Matteo Renzi

Attraverso un post su X, il leader di Italia Viva ha voluto commentare l’esito del caso Consip con l’assoluzione del padre e degli altri coinvolti.

“Vi ricordate il caso Consip? Dopo sette anni di massacro mediatico oggi è arrivata la sentenza. E sapete come è finita? Tutti i miei amici assolti. Tutti! E sapete chi è stato condannato? Quei pubblici ufficiali che hanno tramato contro di noi facendo falsi pur di attaccarci. I miei amici invece assolti”, ha detto Renzi.

Proseguendo il suo duro commento, il politico toscano ha aggiunto: “Sette anni, i titoloni di tutti i giornali, i talk, un danno reputazionale infinito. E il danno politico, morale, umano. E per qualcuno addirittura la custodia cautelare. Poi oggi arrivano le assoluzioni per tutti”.

Non è mancato un particolare passaggio su suo padre: “Tra gli assolti un uomo che si chiama Tiziano Renzi, mio padre. Assolto anche stavolta. Ti voglio bene, babbo. Abbraccio tutti gli altri imputati assolti di cui in gran parte conosco il dolore e la rabbia. E abbraccio le loro famiglie che in questo momento stanno piangendo di gioia. C’è un giudice a Roma dopo sette anni. Ma ci sarà qualcuno nelle redazioni, in Parlamento, nella classe dirigente di questo Paese che avrà finalmente il coraggio di chiedere SCUSA? Ma vi rendete conto di quanto il presunto scandalo Consip ha inciso per distruggere la nostra azione politica e ora scopriamo che era tutto regolare? Ho nel cuore allo stesso tempo una felicità incontenibile e un dolore che non si cicatrizza”, ha concluso Renzi.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 12 Marzo 2024 8:30

Calenda, la stroncatura del campo largo: “Mai esistito”

nl pixel