Nuovo caso di coronavirus alla Camera. Pressing dei deputati per il ‘voto a distanza’.

ROMA – Nuovo caso di coronavirus alla Camera. Un deputato della Lega è risultato positivo al tampone con l’ultima presenza in Aula che risale a venerdì 24 aprile 2020. Un po’ di apprensione per i colleghi che insistono per avere il voto a distanza.

La piena funzionalità della Camera è garantita – ha detto il presidente Fico – grazie all’adozione di diverse misure nelle scorse settimane. C’è la piena disponibilità a un confronto su ulteriori innovazioni da approntare di cui stiamo già parlando“.

La lettera inviata a Fico

Nelle scorse settimane è stata inviata una lettera a Fico per chiedere delle norme che garantiscono la massima sicurezza per i deputati. “Chiedo da due mesi – ha scritto sui social Paolo Lattanzio (M5s) – di avere il coraggio di ammettere il voto digitale a distanza. La Camera continua a lavorare a ritmi blandi e in condizione di grave rischio per tutti“.

Il deputato grillino aggiunge: “In due mesi non sono state immaginate misure nuove, agili e moderno. Chiedo al presidente Fico di adottare immediati interventi che permettano all’Aula di lavorare a pieno regime e in sicurezza”.

Camera dei Deputati
L’aula di Montecitorio (fonte foto: https://twitter.com/Montecitorio)

Il ‘questore’ D’Uva: “Presto nuove misure”

Sulla vicenda è intervenuto anche il ‘questore’ di Montecitorio Francesco D’Uva che ha annunciato l’arrivo di nuove misure nei prossimi giorni. Tra queste l’utilizzo delle tribune per “allargare lo spazio d’Aula a disposizioni di deputate e deputati, specialmente al momento del voto. Allo stesso tempo c’è l’urgenza di stabilire sanzioni efficaci in caso di mancato rispetto delle misure anti-covid“.

I lavori, comunque, a Montecitorio proseguono e nelle prossime settimane potrebbero entrare in vigore le novità per salvaguardare la salute dei deputati impegnati alla Camera.

Scarica QUI la guida con tutte le precauzioni da prendere per limitare il contagio da coronavirus.

fonte foto copertina https://twitter.com/Montecitorio


Coronavirus, morto il critico d’arte Germano Celant

De Micheli: “Bonus da 200 euro per bici e servizi in sharing”. Le aziende di trasporto: “Regole di distanziamento impossibili”