Pare che Hasib Omerovic avesse molestato la nipote di uno dei quattro poliziotti indagati: spunta l’ipotesi di favoreggiamento.

Hasib Omerovic è il 36enne disabile precipitato dalla finestra di casa sua qualche giorno fa, in seguito ad un’irruzione dei carabinieri all’interno della sua abitazione. Pare però che i quattro agenti non avessero alcun mandato che li legittimasse ad introdursi nell’abitazione di Hasib per una perquisizione.

sirene Polizia

Secondo la dirigenza del commissariato, l’intervento era finalizzato all’identificazione degli inquilini. In seguito all’irruzione dei carabinieri però, Hasib sarebbe precipitato dalla finestra. Ancora non è chiaro se si sia lanciato volontariamente o se siano stati i poliziotti – come ha dichiarato la sua famiglia – a lanciarlo dalla finestra di casa sua.

L’intervento avvenuto nell’appartamento di via Gerolamo Aleandro a Primavalle doveva essere finalizzato solo all’identificazione degli inquilini. Adesso i quattro agenti protagonisti della vicenda sono indagati per tentato omicidio e falso.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

L’ipotesi di favoreggiamento

Difatti, gli inquirenti sarebbero dovuti restare fuori dalla porta di Hasib Omerovic, secondo quanto predisposto dalla vicedirigente del commissariato Laura Buia. I quattro poliziotti invece sarebbero entrati comunque dentro l’abitazione, quel 25 luglio, verso mezzogiorno e mezza. Adesso, insieme alle indagini nei confronti di Hasib per le sue molestie alla nipote di uno dei poliziotti del blitz, salta fuori anche l’ipotesi del favoreggiamento.

Inizialmente, la Procura aveva registrato il caso come un tentato suicidio. Qualcosa però non torna. La sorella di Hasub, Sonita, durante la deposizione ha dichiarato che il 36enne disabile sarebbe stato picchiato da uno dei poliziotti, e poi gettato dalla finestra. Pare che i quattro agenti abbiano anche sfondato la porta per irrompere nell’abitazione. Dal canto suo, Andrea, uno dei quattro agenti coinvolti, aveva dichiarato di aver bussato alla porta e che la sorella di Hasib gli aveva aperto.

Il video fatto da uno degli agenti

Uno dei poliziotti indagati ha anche fornito un video che documenta l’operazione, in cui si vede Hasib che si è buttato da solo dalla finestra. Restano ancora molti dubbi da chiarire sulla vicenda. Ciò che è chiaro, è il fatto che gli agenti abbiano agito senza alcun mandato di perquisizione che li legittimasse nel compiere l’operazione.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

giallo

ultimo aggiornamento: 19-09-2022


Alluvione Marche, il papà di Mattia: “Può ancora essere vivo”

Genovese, l’imprenditore di Milano condannato per stupro