Amazon è pronto ad aprire un nuovo centro di distribuzione a San Salvo (Chieti). L’obiettivo è quello di creare 1.000 posti di lavoro in un triennio.

SAN SALVO (CHIETI) – Un nuovo centro di distribuzione di Amazon a San Salvo, in provincia di Chieti. La multinazionale, come precisato in una nota riportata dall’Adnkronos, ha annunciato la propria intenzione di aprire questa nuova struttura entro il 2022 per creare altri 1.000 posto di lavoro a tempo determinato in un triennio.

Aumento dei dipendenti che si aggiunge ai 3.000 creati in questo 2021 raggiungendo le 12.500 assunzioni previste in un primo momento fino all’inizio dell’anno. Un progetto che non dovrebbe essere finito qui e Amazon in futuro continuerà ancora una volta a puntare sull’Italia.

Amazon scommette sull’Italia

Amazon è pronto a scommettere sull’Italia. Il nuovo centro di distribuzione porterà ad un investimento di oltre 150 milioni di euro e per questo motivo l’impegno sale a 6 miliardi di euro dal 2012. “L’azienda – si precisa in una nota – continua ad espandere la sua rete logistica per soddisfare la crescente domanda da parte dei clienti, ampliare la selezione di prodotti e supportare le piccole e medie imprese che decidono sempre più di vendere prodotti avvalendosi della Logistica di Amazon per le attività di stoccaggio e impresa”.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Jeff Bezos
Jeff Bezos

Economia italiana ripartita

Si tratta di un nuovo centro di distribuzione che potrebbe consentire all’economia italiana di consolidare la propria ripartenza. La pandemia, almeno al momento, sembra essere alle spalle e i prossimi mesi saranno fondamentali per capire il trend del coronavirus e anche eventuali frenate della ripresa economica.

Ma fino ad ora non sono previsti rallentamenti e per questo motivo la scommessa di Amazon può consentire di avere una accelerata importante anche nel primo semestre 2021 quando è prevista l’apertura del nuovo centro di distribuzione in provincia di Chieti.

ultimo aggiornamento: 11-09-2021


Ue: “Il prestito del Governo di 900 milioni ad Alitalia è illegale”

Confindustria: “Pil vicino al 6 per cento nel 2021”