Cessione del credito 2024: le novità dall'Agenzia delle Entrate
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Cessione del credito 2024: le novità dall’Agenzia delle Entrate

Cessione del credito 2024: le novità dall’Agenzia delle Entrate

Cessione del credito 2024: l’Agenzia delle Entrate ha pubblicato un manuale per navigare le novità sui Superbonus.

L’Agenzia delle Entrate ha recentemente pubblicato una guida aggiornata sulla cessione del credito per l’anno 2024. Si trova disponibile online sul suo portale, dedicata alla “piattaforma cessione crediti”.

Questo documento, rinnovato a gennaio 2024, si pone come riferimento essenziale per tutti coloro che devono gestire le cessioni di crediti legati al superbonus, ai bonus edilizi e ad altre agevolazioni fiscali. La guida non solo fornisce istruzioni dettagliate sulla gestione di queste cessioni, ma offre anche indicazioni pratiche sulle operazioni di monitoraggio, cessione e accettazione delle somme.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

euro e calcolatrice
euro e calcolatrice

Cessione del credito 2024: come funziona la piattaforma

Una delle principali novità introdotte riguarda la comunicazione all’Agenzia delle Entrate in caso di non utilizzabilità dei crediti edilizi per motivi diversi dal superamento dei termini. Questa funzionalità è stata resa operativa dall’articolo 25 del decreto legge n. 104/2023, noto come decreto Omnibus, che prevede la necessità di informare l’Amministrazione finanziaria entro 30 giorni dall’avvenimento che ha reso il credito non utilizzabile.

Il cuore della guida è dedicato alla spiegazione di come funziona e quando utilizzare la piattaforma per la cessione dei crediti. Tra le funzionalità disponibili online, si trovano il monitoraggio dei crediti, la cessione dei crediti, l’accettazione di crediti/sconti, la gestione dei modelli F24, ulteriori rateizzazioni, la riduzione del credito e una lista movimenti. Queste funzioni sono essenziali per chi opera nel settore edilizio e per i privati che intendono beneficiare delle agevolazioni fiscali previste dalla legge italiana.

Inoltre, il documento dell’Agenzia delle Entrate fornisce istruzioni dettagliate su come accedere e utilizzare la procedura telematica che permette il trasferimento a terzi dei propri crediti d’imposta, dopo averli comunicati all’Agenzia.

Scadenze e limitazioni

Un aspetto cruciale da sottolineare è la scadenza del 16 marzo 2024, entro la quale devono essere effettuate le comunicazioni relative alle rate per spese sostenute nel 2023 attraverso la piattaforma.

Inoltre, la guida fa luce su alcune limitazioni introdotte rispetto al passato, come l’eliminazione dei crediti d’imposta legati al bonus energia e la specificazione che certe agevolazioni, come il bonus affitti per botteghe e negozi, il credito d’imposta per le spese di sanificazione e l’agevolazione per le spese di adeguamento degli ambienti di lavoro, non sono più cedibili.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 3 Febbraio 2024 10:18

Ferrari supera ogni record: un 2023 da ricordare

nl pixel