Cgil e Uil in piazza, Landini: "Le dichiarazioni di Meloni gridano vendetta"
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Cgil e Uil in piazza, Landini: “Le dichiarazioni di Meloni gridano vendetta”

Maurizio Landini

Landini e Bombardieri annunciano una grande manifestazione nazionale il 20 aprile.

Maurizio Landini, leader della Cgil, ha espresso forte disapprovazione per le attuali direzioni politiche, dichiarando che; “Le dichiarazioni del presidente del consiglio e i provvedimenti del Governo gridano vendetta perché favoriscono l’evasione fiscale“.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

Queste parole sono state pronunciate in occasione dell’assemblea generale dell’Spi, sottolineando la necessità di un radicale cambiamento nelle politiche fiscali e sanitarie del paese.

Maurizio Landini
Maurizio Landini

Cgil e Uil in marcia: le parole di Landini e Bombardieri

Come riportato da Agi.it, le due principali confederazioni sindacali italiane, Cgil e Uil, hanno annunciato una grande mobilitazione nazionale per sabato 20 aprile. Lo sciopero, con una manifestazione a Roma, è sulla difesa del diritto alla salute e sulla sicurezza nei luoghi di lavoro.

In aggiunta, la protesta si leverà contro le recenti politiche fiscali del governo Meloni. Quest’ultime sono ritenute favorevoli all’evasione fiscale e dannose per il tessuto sociale ed economico del paese.

Sicurezza sul lavoro: un impegno rinnovato

La manifestazione e lo sciopero nazionale annunciati si inseriscono in un contesto di crescente preoccupazione per le condizioni di sicurezza sul lavoro.

Diremo basta alle morti sul lavoro“, hanno affermato congiuntamente Landini e Bombardieri, segretario generale della Uil, annunciando un’assemblea di 1500 delegati e rappresentanti per la sicurezza a Firenze, il prossimo 22 marzo.

Questo incontro servirà non solo a preparare la manifestazione del 20 aprile, ma anche a dibattere sul tema della rappresentanza sindacale, messa a rischio da recenti legislazioni.

Occorre ridare valore al mondo del lavoro contro provvedimenti, come il collegato al lavoro e il decreto Pnrr, che attaccano lavoratrici e lavoratori, nonché il principio di rappresentanza, e che puntano all’indebolimento dello stato sociale“, hanno concluso i segretari generali.

Con questa iniziativa, Cgil e Uil si pongono in prima linea nella difesa dei diritti dei lavoratori e nella lotta per un sistema fiscale più equo e un servizio sanitario efficiente e accessibile a tutti.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 14 Marzo 2024 17:35

Allarme terrorismo in Italia, Piantedosi annuncia: “28.000 gli obiettivi sensibili”

nl pixel