Alexandria Ocasio Cortez (AOC) è l’attivista e politica americana che si batte per i gruppi sociali marginalizzati.

Meglio conosciuta come AOC, Alexandra Ocasio Cortez è la donna più giovane mai eletta al congresso americano, per il partito democratico che si batte per i diritti delle minoranze. Ha toccato gli animi di tutto il mondo con la sua attività sui social e si è schierata contro Trump sostenendo l’impeachment. Ma oltre a questo c’è molto altro da scoprire.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Alexandria Ocasio Cortez: la biografia

AOC è nata il 13 ottobre 1989 a New York, nel Bronx da una famiglia cattolica. Suo padre, Sergio Ocasio-Roman è figlio di portoricani e la madre Blanca (Ocasio)-Cortez è nata a Porto Rico. La famiglia, insieme al fratello minore Gabriel, ha vissuto per anni a Parkchester, nel Bronx. Quando Alexandria ebbe cinque anni si spostarono nella periferia di Yorktown Heights.

Alexandria a frequentato la Yorktown High School dove si è classificata seconda per un progetto di ricerca in microbiologia all’Intel International Science. Grazie a questa classifica il MIT Lincoln Laboratory le intitola un asteroide chiamato 23238 Ocasio-Cortez. Sempre al liceo muove i suoi primi passi in politica prendendo parte alla sessione legislativa giovanile dell’Istituto Nazionale Ispanico. Si diploma nel 2007.

Durante i suoi studi alla Boston University che frequenta grazie alla borsa di studio John F. Lopez diventa Segretario di Stato della LDZ. Durante gli studi lavora come stagista per il senatore Ted Kennedy nella sezione Affari Esteri, dove era l’unica a parlare spagnolo. Qui si occupa principalmente di questioni di immigrazione. Si è laureata con lode nel 2011 in relazioni internazionali ed economia.

Da molto giovane ha iniziato a fare i conti con la burocrazia e le leggi statunitensi che provocano disagi e problemi alla sua famiglia. Dall’arricchirsi del sistema di difesa legale (gli avvocati) alla perclusione.

Alexandria Ocasio Cortez: la carriera professionale

Dopo il college torna nel Bronx dove inizialmente lavora come barista e cameriera per aiutare la madre a sostenersi a seguito della morte del padre. Negli anni successivi crea la Book Avenue Press, una casa editrice che produceva libri sul Bronx mettendo in luce i suoi aspetti positivi.

Nel 2016 durante le primarie lavora come organizzatrice per la campagna presidenziale di Bernie Sanders. Dopo le elezioni ha trascorso un periodo in viaggio per l’America passando dal Flint, Michigan e la riserva indiana nel Nord Dakota. Durante questo viaggio passa del tempo assieme alle persone colpite dalla crisi idrica di Flint e dal Dakota Access Pipeline.

Dal 2018 in poi partecipa alle elezioni primarie del partito democratico per il 14° distretto congressuale di NY, battendo il democratico Joe Crowley in carica da 10 mandati. A soli 29 anni rappresenta la donna più giovane al Congresso degli Stati Uniti.

AOC nelle sue azioni politiche si definisce socialista, e basa la sua attività su proposte come la sanità e l’istruzione pubblica e la diminuzione delle tasse. Come attivista, donna e politica dichiara di rappresentare i gruppi sociali marginalizzati dalla classe politica.

Alexandria Ocasio Cortez: vita privata e social media

Nonostante la sua grande attività pubblica e sui social media AOC non è particolarmente propensa a diffondere la sua vita privata da nessuna parte. Attualmente è fidanzata on Riley Roberts, capo del marketing di HomeBinder, consulente marketing e social di startup in campo tech.  

Parte della famiglia di Alexandria vive ancora a Porto Rico, il nonno, da parte della madre, morì nella strage dell’uragano Maria.

Il suo attivismo politico è molto attivo sui social media, in particolare Twitter; nei suoi post di Instagram e Facebook.

3 curiosità su di lei

  • La sua vittoria contro Crowley è considerata la svolta nelle primarie elettorali e la più grande vittoria di medio termine. Ha anche vinto le elezioni sconfiggendo Anthony Pappas (repubblicano).
  • Nel 2018 ha criticato l’ uso della forza da parte delle forze armate israeliane contro i palestinesi definendolo un “massacro“.
  • In un’intervista AOC dichiara che “essere portoricani significa essere il discendente di africani, schiavi e indiani Taino, colonizzatori spagnoli, rifugiati ebrei molti altri. Siamo tutte queste cose insieme, noi siamo Boricua (popolo portoricano)”

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 15-05-2022


Chi è Andrea Pennacchi, ospite fisso di Propaganda Live

Chi è Leonardo Del Vecchio: il miliardario italiano fondatore di Luxottica