Arthur Leclerc entra nella Driver Academy della Ferrari. Chi è il fratello di Charles, pronto a mettersi in mostra e a scalare le gerarchie di Maranello.

Due Leclerc per la Ferrari. La Rossa ha infatti accolto nella sua Driver Academy Arthur Leclerc, fratello di Charles e promettente pilota classe 2000.

Green Pass e Super Green Pass, tutte le regole dal 10 gennaio

Arthur Leclerc alla Ferrari Driver Academy

Arthur Leclerc entra a far parte della famiglia Ferrari nella Driver Academy, che negli ultimi anni ha regalato alla Formula 1 piloti di spessore. A Maranello hanno dimostrato di avere fiuto per i potenziali assi del volante e sperano nella doppietta di famiglia. Arthur correrà con la Prema Powerteam nella Formula Regional.

La speranza dei vertici del Cavallino è che Arthur possa seguire le orme del fratello e magari arrivare ad imporsi in Formula 1, dove potrebbe aspettarlo un confronto diretto con Charles, astro nascente del mondo dei motori.

Arthur Leclerc
Fonte foto: https://www.facebook.com/arthur.leclerc.17

Charles Leclerc, “Felicissimo per mio fratello”

Tra i primi a dare il benvenuto ad Arthur è stato ovviamente il fratello Charles, che ha condiviso un post sulla propria pagina Instagram.

“Sono felicissimo per mio fratello, farà parte della Ferrari Drivers Academy e correrà per la Prema nel 2020”.

Chi è Arthur Leclerc

Classe 2000, Arthur è nato il 14 ottobre e ha iniziato a muovere i primi passi nel mondo dei motori nel 2018, quando ha esordito in Formula 4 France. Il suo primo successo è arrivato alla sua seconda gara nella categoria. Da quel momento il giovane Arthur si è messo in mostra per la continuità di risultati ottenuti. Si è fatto la fama di pilota affidabile e veloce. In Ferrari sono convinti che possa trattarsi di un altro diamante grezzo.

Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per seguire News Mondo su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 19-01-2020


Formula 1, Hamilton vicino al rinnovo con la Mercedes: le cifre

Smog, davvero il problema sono le automobili?