Chi è Francesca Bria, Presidente del Fondo Nazionale Innovazione-CDP Venture Capital SGR accostata al Ministero della Transizione Ecologica.

Francesca Bria è una tecnologa dell’informazione italiana Presidente del Fondo Nazionale Innovazione-CDP Venture Capital SGR. Il suo nome è venuto alla ribalta durante la crisi di governo dopo l’annuncio della creazione del Ministero della Transizione Ecologica.

Chi è Francesca Bria, la biografia e il curriculum

Nata a Roma l’11 novembre 1977, Francesca Bria è una eccellenza italiane invidiata in tutto il mondo.

Il suo curriculum è di prestigio. Presidente del Fondo Nazionale Innovazione-CDP Venture Capital SGR, Bria è stata Assessore pe la digitalizzazione e l’innovazione per la città di Barcellona. Non solo. Bria vanta anche un’esperienza come Consulente Senior per le Nazioni Unite sulle smart cities.

Nel mondo dell’innovazione e della tecnologia è una vera e propria istituzione. E lo conferma anche il fatto che la rivista D l’abbia inserita nella lista delle donne che cambiano il mondo oltre che nella lista Women in Tech dalla rivista Forbes. Chiude il quadro dei riconoscimenti l’inserimento nella lista delle 20 persone più influenti al mondo nel governo digitale di Apolitical.

Per quanto riguarda la formazione, vanta un dottorato di ricerca in Economia dell’innovazione ed entrepreneurship presso l’Imperial College di Londra. Nel suo curriculum spicca anche il Master in Digital Economy presso l’Università di Londra, Birbeck

Di seguito il curriculum di Francesca Bria.

Il Ministero della Transizione Ecologica

Nel febbraio 2021, nel pieno della crisi di governo, il nome di Bria è stato accostato al Ministero della Transizione Ecologica chiesto da Beppe Grillo e annunciato da Legambiente dopo le consultazioni con il premier incaricato Mario Draghi. Quello della Bria potrebbe essere un profilo gradito al Movimento 5 Stelle.

Ulteriori informazioni sul sito internet ufficiale di Francesca Bria.


Chi è Elisabetta Belloni

Draghi incontra associazioni e organizzazioni. Bonomi: “C’è molto da fare”