Chi è Giorgio Palù: microbiologo, virologo ed ex Direttore del Dipartimento di Medicina Molecolare Università degli Studi di Padova, e oggi Presidente dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa).

Dopo una lunga strada formativa, col suo bagaglio di conoscenze Giorgio Palù si affaccia al mondo professionale con un vasto background in campo medico. Specializzato in microbiologia e virologia, plasma le sue competenze lavorando presso diverse Università italiane ed estere. Nel bel mezzo della pandemia da Covid-19 Palù viene nominato come nuovo Presidente dell’Aifa (Agenzia Italiana del Farmaco). È stato Il Corriere della Sera a definirlo “un’autorità indiscussa nel campo della virologia, professore emerito dell’Università di Padova e past-president della Società italiana ed europea di Virologia”.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Biografia di Giorgio Palù

Giorgio Palù nasce il 5 gennaio del 1949 a Oderzo. Il suo background medico ha visto la sua ascesa nel settore partendo dalla sua laurea in medicina e chirurgia col massimo dei voti e la lode e dal suo Esame di Stato nel 1974. Due anni dopo Palù acquisisce l’abilitazione all’esercizio della professione medica negli Stati Uniti, terminando con il suo Diploma di Specializzazione in Oncologia e in Patologia Generale col massimo dei voti e la lode.

Carriera di Giorgio Palù

Dopo il suo ricco percorso formativo, Giorgio Palù intraprende la sua strada come medico interno presso le Università di Trieste e Parma nel 1973 e come assistente ospedaliero in Oncologia medica, Ospedale di Padova nel 1974. Successivamente alla sua esperienza in medicina a Bruxelles e poi a Londra e negli U.S.A., torna in Italia per lavorare come assistente ordinario in Microbiologia all’Università di Parma. Termina la sua carriera didattica come professore di virologia e di microbiologia all’Università di Padova dal 1989.

Ad oggi Palù detiene il ruolo di nuovo Presidente dell’Aifa che, come cita il suo predecessore Domenico Mantoan “la nomina arriva in un momento molto delicato per Aifa impegnata su più fronti non ultimo quello dei vaccini anti Covid-19. Si tratta di una figura di grande professionalità ed esperienza che darà certamente un importante contributo”. Giorgio Palù rientra nella classifica dei dirigenti pubblici più ricchi, con 274.077 euro guadagnati in un anno.

Vita privata di Palù

Sulla vita personale del famoso virologo non abbiamo informazioni, a differenza delle curiosità sul suo background professionale che appare sorprendentemente vasto e ricco. Il suo profilo è assente anche sui canali social, le uniche tracce su di lui restano quelle sui video presenti su YouTube. Non perdete l’ultima intervista di Luciano Onder a Giorgio Palù!

6 curiosità

  • Palù ha organizzato 18 congressi internazionali, è stato invitato per letture magistrali a 33 congressi internazionali e ha tenuto numerosi seminari su invito presso Istituzioni estere.
  • È stato anche autore di circa trecento pubblicazioni di biomedicina oltre a monografie e volumi.
  • Titolare di brevetti e licenze per diagnostica molecolare, produzione di farmaci antitumorali e vettori virali per terapia genica.
  • Consulente scientifico di aziende farmaceutiche e di “spin off companies” di biotecnologie.
  • Valutatore di progetti di ricerca per BIOMED 2, CNR, l’Istituto Superiore di Sanità, il National Institute of Health, il Medical Research Council.
  • Ha ottenuto certificati e riconoscimenti da parte di: Fondazione Callerio; British Council; Medical Research Council and Leukaemia Research Foundation; Consiglio Nazionale delle Ricerche; New York Academy of Sciences; Istituto Superiore di Sanità; Third European Award on Gene Therapy; Clemson University distinct scholar; Gene Therapy Award for the first clinical trial of combined gene therapy of glioblastoma; L. Pauling award for Molecular Medicine; International Prize in Medicine Bruno da Longobucco.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 16-07-2022


Franco Bragagna, il telecronista della Rai olimpica

Chi è la giornalista e conduttrice del TG1 Elisa Anzaldo