Chi è Giulia D’Urso, l’influencer che avrebbe chiamato i carabinieri durante la festa di Lukaku. Le smentisce: “Non sono stata io”.

ROMA – Sarebbe stata Giulia D’Urso a chiamare i carabinieri durante la festa di Lukaku. L’influencer classe 1995, contattata dal Corriere della Sera, ha smentito qualsiasi coinvolgimento: “Non sono stata io, mi stanno massacrando”.

Chi è Giulia D’Urso

Nata in Puglia ma ormai da anni a Milano, Giulia D’Urso è diventata famosa per aver preso parte a Uomini e Donne come tronista. Una partecipazione che ha permesso alla giovane di conoscere il tronista Giulio Raselli ma la loro relazione è durata molto poco.

Chiusa questa breve esperienza televisiva, la ragazza ha deciso di intraprendere la ‘carriera’ di influencer con consigli di trucco e bellezza sui social. Un profilo Instagram che può contare su oltre 420mila followers e il numero aumenta giorno dopo giorno.

Il suo nome è stato accostato alla festa di Lukaku e alla chiamata ai carabinieri. La giovane, però, ha subito smentito il coinvolgimento e con un post sui social si è detta pronta a difendersi in tutte le sedi opportune contro le persone che “si stanno inventando le cose sul mio conto”.

Romelu Lukaku
Romelu Lukaku

D’Urso sulla festa di Lukaku: “Non ho chiamato i carabinieri”

A smentire qualsiasi coinvolgimento è stata la stessa D’Urso ai microfoni del Corriere della Sera: “Mi stanno massacrando senza motivo da stamattina. Non sono stata io a chiamare i carabinieri, mi insultano senza motivo, dicono che l’ho fatto per i follower ma sono tutte bugie. Non sono così stupida da aver chiamato io le forze dell’ordine, dicono anche sono stata multata ma anche questo non è vero. L’unica cosa che ho sbagliato è stato partecipare a quella festa ma non per questo devo essere massacrata così“.

E la stessa influencer si è detta pronta ad andare per vie legali contro le persone che hanno scritto e detto cose false sul suo conto.

TAG:
calcio news Inter

ultimo aggiornamento: 14-05-2021


Tenta di uccidere la compagna incinta, arrestato un uomo nel Pavese

Coronavirus, allo studio dell’Iss un vaccino a lunga copertura