Marina Ovsyannikova, coraggiosa giornalista russa.

Ovsyannikova è una redattrice di Channel One, che è stato il primo canale televisivo a trasmettere nella Federazione Russa nel 1995, dopo il crollo dell’Unione Sovietica.

Channel One, che in precedenza era chiamato Russian Public TV (Obshchestvennoe Rossiyskoye Televidenie o ORT), è stato criticato per aver riferito con un pregiudizio filogovernativo.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

La vita privata di Marina Ovsyannikova

Si conosce molto poco della vita privata della giornalista:

Marina Ovsyannikova si è laureata alla Kuban State University e successivamente all’Accademia presidenziale russa di economia nazionale e pubblica amministrazione, prima di lavorare per la compagnia televisiva e radiofonica statale russa.

In un’intervista del 2002 sullo sport, Ovsyannikova ha affermato di aver iniziato a nuotare all’età di sei anni e che “l’apice della mia carriera di nuoto era entrare nella squadra universitaria, in cui ho vinto il campionato del territorio di Krasnodar tra le università” .

Secondo i media, Ovsyannikova vive a Mosca ed è nata a Odesa nel 1978 e ha due figli. In un video da lei pubblicato, ha detto che suo padre era ucraino e sua madre russa e ha aggiunto che “non sono mai stati nemici”.

Vladimir Putin
Vladimir Putin

Marina Ovsyannikova, la giornalista che ha sfidato Putin

Durante una diretta, la giornalista è corsa sul set dietro un conduttore di notizie e ha alzato un cartello con le parole: “Niente guerra, ferma la guerra, non credere alla propaganda, qui ti stanno mentendo“.

Prima di entrare in onda con un cartellone, aveva mandato anche un messaggio molto forte attraverso i social.

“Quello che sta succedendo in Ucraina è un crimine. La Russia è l’aggressore, e le responsabilità sono da imputare ad una sola persona: Vladimir Putin. Mio padre è ucraino, mia madre è russa. Loro non sono mai stati nemici. La Russia deve necessariamente terminare questa guerra fratricida e riconciliarsi con le nazioni amiche. Sfortunatamente, ho lavorato per Channel One e per la propaganda del Cremlino e mi vergogno di questo. Mi vergogno di aver mentito in tv, mi vergogno di aver consentito il lavaggio del cervello ai russi”. 

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 27-03-2022


Alla scoperta del giornalista russo Dmitry Muratov, Premio Nobel per la Pace 2021

Chi è Nicola Porro, conduttore televisivo e vice direttore de Il Giornale