Chi è Marta Bassino, la sciatrice italiana nata a Borgo San Dalmazzo. La carriera e la vita privata dell’azzurra.

ROMA – Lo sci italiano ha una nuova stella. La stagione 2020/2021 è quella consacrazione definitiva di Marta Bassino. L’atleta di Borgo San Dalmazzo, dopo alcune annate di alti e bassi, sembra aver trovato la sua dimensione soprattutto nel Gigante.

Il futuro sembra essere dalla sua parte e le potenzialità potrebbero consentirle di ambire alla Coppa del Mondo generale e non solo quelle di specialità. I margini di crescita sono diversi l’età sembra essere ancora dalla sua parte.

Chi è Marta Bassino, la carriera della sciatrice italiana

Nata a Cuneo il 27 febbraio 1996, Marta Bassino è cresciuta a Borgo San Dalamazzo. Lo sci nel sangue per lei che ha iniziato ad indossare la tuta a soli due anni grazie al padre maestro di sci. Fino a 14 anni l’azzurra è stata seguita proprio dal genitore prima di fare il salto di qualità e dare il via alla sua carriera da professionistica.

L’esordio in ambito Fis è avvenuto nel 2011. Con il passare degli anni ha preso sempre più confidenza arrivando tra le grandi in poco tempo. L’anno della consacrazione è il 2020 con i successi ma soprattutto la continuità. Una stagione che l’ha fatta diventare definitivamente grande anche se il percorso è ancora lungo e soprattutto ci sono ampi margini di miglioramento.

Fisi
fonte foto https://www.facebook.com/FISIFederazioneItalianaSportInvernali

Il fidanzato e la vita privata di Marta Bassino

Della vita privata della sciatrice si sa molto poco. L’azzurra ha sempre preferito lasciare fuori dalla luce dei riflettori le vicende che succedono oltre la pista.

Al suo fianco da diversi anni c’è Marco Casagranda. Un coetaneo che vive con lei nella cittadina di Borgo San Dalmazzo. La Bassino è anche molto attiva sui social. Il suo profilo Instagram è seguito da oltre 100mila persone, un numero destinato ad aumentare nelle prossime settimane.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/FISIFederazioneItalianaSportInvernali


Chi è Daan Dierckx, il primo 2003 ad esordire in Serie A

Pep Guardiola, i 50 anni dell’inventore del tiki taka