Alla scoperta del magnifico pilota automobilistico di Formula 1 Max Verstappen, che fin da bambino ha collezionato grazie al suo notevole talento ottime vittorie.

Il giovanissimo talento della Formula 1 Max Verstappen si è fatto in breve tempo conoscere ed amare dal grande pubblico. Durante la sua carriera automobilistica infatti conquista di volta in volta diversi premi, scalando velocemente la classifica fino ad arrivare anche a vincere il mondiale nel 2021. Figlio del padre Jos Verstappen, ex pilota automobilistico, sembra avere nel sangue la bravura che serve per padroneggiare nelle gare automobilistiche, fatte sì di grande velocità ma anche di grande dedizione.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Max Verstappen, la biografia

Il campione di Formula 1 nasce il 30 settembre 1997, nella città belga di Hasselt. Circondato da una famiglia appassionata del mondo delle corse automobilistiche, Max Verstappen si avvicina al mondo delle gare all’età di soli sette anni. Già dal primo anno scopre non solo di condividere la passione della propria famiglia ma anche di essere molto portato, iniziando infatti fin da subito a collezionare vittorie su vittorie.

La straordinaria carriera di Max Verstappen

Max Verstappen
Max Verstappen

La sua carriera automobilistica ha inizio nel 2005, anno in cui gareggia nei kart nei campionati olandesi e belgi, dimostrando un innato talento e conquistando numerosi posti sul podio.

Solamente nove anni dopo, nel 2014 fa il suo esordio in monoposto nel Florida Winter Series, concludendo due vittorie e il terzo posto finali. Successivamente nel campionato europeo FIA di Formula 3 conclude al terzo posto. Nello stesso anno partecipa a dei test con una vettura di Formula Renault 3.5 e viene scelto come nuovo membro della Red Bull Junior Team.

L’anno successivo, non ancora diciottenne, viene ingaggiato dalla Toro Rosso come pilota titolare al fianco di Carlos Sainz Jr. Nel giro di due sole gare fece cadere due record di precocità: il più giovane pilota a esordire in Formula 1 durante il Gran Premio d’Australia e il più giovane a far segnare punti nel Gran Premio della Malesia.

Di vittoria in vittoria

Dal 2018 fino al 2020 viene riconfermato pilota titolare dalla Red Bull. Il sette gennaio 2020 firma un prolungamento del contratto con la Red Bull che dura fino alla fine dell’anno 2023. Contratto che è stato rinnovato il 3 marzo 2022 fino all’anno 2028. Contratto che gli garantisce più di 16 milioni di euro annui.

Numerosi i podi raggiunti dal giovane pilota di Formula 1. Nel 2019 lo conquista a Singapore, Ungheria, Abu Dhabi, negli Stati Uniti e ancora durante la gara tenuta in celebrazione del 70esimo Anniversario del GP d’Inghilterra.

Il 2021 segna un altro anno costellato da una serie di primi posti: Francia, Austria, Monaco, Zandvoort e Stiria. Max Verstappen riceve il titolo di campione del mondo di Formula 1 2021, quando aveva solo ventiquattro anni, dopo aver vinto nella gara tenuta il 12 dicembre 2021.

Max Verstappen: la vita privata

I genitori del campione automobilistico sono il padre olandese ex pilota di Formula 1 Jos Verstappen e la madre belga Sophie Kumpen. Quest’ultima non solo ha gareggiato come pilota di kart, ma il suo albero genealogico vanta una storia di automobilisti professionisti: Paul Kumpen e Anthony Kumpen.

Sua compagna nella vita è Kelly Piquet, modella brasiliana, blogger e professionista nelle pubbliche relazioni, madre di Penelope Kvyat. Ha un profilo Instagram con milioni di follower.

Alcune curiosità sul campione Max Varstappen

  • Verstappen ha doppia nazionalità: quella belga e quella olandese.
  • Il campione di Formula 1 segue con interesse anche la Moto GP.
  • Il suo gioco preferito della PlayStation è FIFA: il suo nickname nel 2018 era in ventunesima posizione nel ranking mondiale.
  • Non solo pilota, ama dilettarsi infatti con la bicicletta.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 22-03-2022


Chi è Pavel Durov, fondatore del social network russo Vkontakte e di Telegram

Chi è Pietro Serino: il capo di Stato Maggiore dell’Esercito Italiano