Xavier Niel, tutto sul miliardario fondatore di Iliad
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Xavier Niel, tutto sul miliardario fondatore di Iliad

Xavier Niel

Alla scoperta dell’imprenditore miliardario Xavier Niel, partito da un’azienda per adulti e arrivato a fondare Iliad.

Lo chiamano il Napoleone della Comunicazione e un motivo c’è. Xavier Niel è senza dubbio un imprenditore che ci sa fare e oltre ad essere il fondatore di Iliad vanta legami lavorativi importantissimi in diversi settori. Un uomo che si è “costruito dal basso” e che è arrivato all’apice grazie alle sue capacità indiscusse.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

Xavier Niel
Xavier Niel

Xavier Niel, la biografia

Nato il 25 agosto del 1967 a Maison-Alfort, Xavier Niel è cresciuto in una famiglia di origini modeste nella città di Créteil. Qui è dove ha studiato e si è formato scolasticamente e a livello personale.

Ha frequentato la scuola Allezard e, successivamente, i college Louis Pasteur e de Maillé, scuola privata cattolica, nella quale è rimasto sino al 1983. Già a molto giovane, Niel ha mostrato le sue capacità e abilità.

Tra i 15 e i 16 anni, il suo primo computer, un Sinclair ZX81, da cui ha dato inizio a quello che diventerà il suo “impero”.

Il suo primo lavoro sono alcune applicazioni per Minitel, con un servizio telematico di videotex nato in Francia nel 1981 e operativo sino al 2012. La vera svolta, però, arriva poco dopo mentre studiava al lycée Saint-Michel-de-Picpus.

In questo periodo, infatti, Niel riesce a creare una chat per adulti, sempre per Minitel, dal nome Minitel Rose. Una intuizione che lo porta a fare i primi veri passi nel mondo dell’imprenditoria e che lo avvicina decisamente anche al settore del web e delle telecomunicazioni.

Dai primi passi a Iliad

L’avvicinamento al mondo delle telecomunicazioni diventa negli anni sempre più netto e il colpo da novanta è quello del 1991 quando Niel acquista Fermic Multimedia, un fornitore di servizi telematici per adulti e decide di rinominarlo Iliad.

Dopo tanti anni da quel momento, la società riesce ad ottenere tutte le licenze utili per diventare a tutti gli effetti il colosso che tutti conosciamo. Nel 1999 ecco il via libera per sviluppare la propria rete e commercializzare servizi di telecomunicazione al pubblico con il marchio Free. Solamente un anno dopo, Iliad viene interconnessa alla rete di France Télécom e nel 2001 sviluppa e commercializza un proprio terminale multimediale, chiamato Freebox.

Il successo di Iliad e di Niel continua negli anni e arriva ai giorni nostri con la possibile fusione in Italia con Vodafone di cui, per altro, lo stesso imprenditore è azionista, detenendo il 2,5%.

Le curiosità

Xavier Niel, però, non è famoso solo per Iliad. L’imprenditore, infatti, vanta interessi anche in diversi altri settori. Oltre a detenere il 55% di Monaco Telecom, ecco partecipazioni in diverse altre aziende di telecomunicazioni.

L’uomo è anche presente nel consiglio di amministrazione di Unibail Rodamco Westfield e del fondo di investimento KKR ma è anche proprietario del brand di occhiali a basso costo Lunettes Pour Tous, e di alcuni giornali francesi importanti come La Provence.

Secondo la rivista Forbes, il patrimonio di Xavier Niel è stimato in 6.9 miliardi di dollari.

Tra le curiosità della vita dell’imprenditore anche il carcere. Nel 2004, infatti, l’uomo è rimasto detenuto per circa un mese con l’accusa di sfruttamento della prostituzione, da da cui è stato successivamente prosciolto.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 20 Dicembre 2023 13:20

Chi è Alessandro Profumo: tutto sul banchiere e dirigente d’azienda

nl pixel