Chi era Mauro De Mauro, il giornalista scomparso nel 1970. La Seconda Guerra Mondiale e poi l’attività giornalistica, la mafia e il caso Mattei.

Il nome di Mauro De Mauro è tornato alla ribalta dopo il ritrovamento di un corpo in una grotta sull’Etna e l’apertura di un inchiesta per verificare se effettivamente si tratti del giornalista scomparso nel 1970 oppure no.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Chi era Mauro De Mauro

Nato a Foggia nel 1921, sostenitore del Partito Nazionale Fascista, De Mauro si arruolò volontario nel corso della Seconda Guerra Mondiale e prestò servizio con la divisa della X Flottiglia MAS. Proseguì il suo impegno e la sua battaglia anche dopo l’8 settembre del ’43, quando decise di aderire alla Repubblica Sociale Italiana. Dopo varie vicissitudini, De Mauro venne arrestato nell’estate del 1945. Detenuto in un campo di prigionia a Coltano, riuscì a fuggire dopo poche settimane.

Lui e la moglie Elda Barbieri si trasferirono a Napoli vivendo sotto falso nome. Nel 1946 fu condannato in contumacia per la sua presunta partecipazione alla strage delle Fosse Ardeatine, poi fu assolto due anni più tardi per insufficienza di prove. La Cassazione confermò la sua assoluzione che anzi divenne assoluzione con formula piena per non aver commesso i fatti.

Chiusi il conti con il passato, si trasferì a Palermo. E qui iniziò di fatto la sua carriera da giornalista. Si mise in mostra come cronista, un giornalista in grado di indagare a fondo, di arrivare alle verità nascoste. Poi arrivò il caso Mattei.

Giornali computer
Giornali computer

Le indagini su Mattei

De Mauro lavorò con insistenza sul caso Mattei con il chiaro intento di fare luce su un episodio con troppe zone d’ombra. L’ipotesi è che il giornalista, nel corso della sua indagine, sia riuscito a fare luce sul caso scoprendo il sabotaggio dell’aereo e risalendo ai responsabili.

Quello che sappiamo è che da cronista seguì il caso della morte di Enrico Mattei, presidente dell’Eni, nel 1962 per poi tornare sul caso nel 1970 per incarico del regista Rosi, il quale gli chiese un racconto del viaggio in Sicilia di Mattei. Questo in vista di un film. Nel corso delle sue indagini sul caso, De Mauro, secondo le ricostruzioni, si sarebbe addentrato in acque torbide.

Secondo i giudici della Corte d’assise, i quali scagionarono Totò Riina, ipotizzarono che la scomparsa di De Mauro e la sua presumibile morte fossero in qualche modo riconducibili proprio alle indagini sul caso Mattei. Ma non bisogna dimenticare che nel corso della sua carriera il giornalista si occupò anche di mafia.

La scomparsa di Mauro De Mauro

Il giornalista scomparve la sera del 16 settembre del 1970. L’ultimo a vederlo fu la figlia, che vide tre uomini avvicinarsi al padre per farlo salire su una macchina. L’auto sarebbe stata ritrovata il giorno successivo alla scomparsa nel centro di Palermo. Le indagini e le ricerche non avrebbero mai portato a fare luce sulla scomparsa del giornalista.

Il ritrovamento di un corpo trovato in una grotta sull’Etna

Nel novembre del 2021, in una zona di addestramento dei finanzieri del soccorso alpino, è stato rinvenuto un corpo in una grotta. I primissimi accertamenti hanno stabilito che il decesso è collocabile tra la fine degli anni ’70 e gli anni ’90. Arco temporale nel quale rientra, almeno ipoteticamente, la morte del giornalista. Nonostante diversi particolari portino a credere che non si tratti del giornalista, la figlia chiede che vengano svolti gli accertamenti del caso per escludere che si tratti effettivamente del padre.

È stata aperta un’inchiesta per accertare l’identità del corpo trovato in una grotta sull’Etna e valutare se si tratti o meno di Mauro De Mauro, giornalista scomparso del settembre del 1970. L’accertamento è stato richiesto dalla figliadel giornalista, l’ultima persona che lo vide vivo.

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 12-11-2021


Rt a 1,21 e incidenza dei casi a 78: il monitoraggio Iss del 12 novembre

Terza dose vaccino Covid, chi deve farla, quando e quali sono gli effetti collaterali