Chi paga le multe per le violazioni del Codice della Strada? Sei italiani su dieci effettua alcun pagamento entro i sessanta giorni dalla notifica della contravvenzione.

Gli italiani non pagano le multe per le contravvenzioni stradali. O meglio, molti italiani tendono a non pagare le sanzioni per le loro contravvenzioni alla guida. Secondo i numeri condivisi dalla Cgia di Mestre, sono sei su dieci gli automobilisti che non pagano le sanzioni comminate. Entro i sessanta giorni canonici dalla notifica della multa almeno.

Non si può escludere che alcuni abbiano deciso di mettersi in regola approfittando della rottamazione delle cartelle.

Polizia locale
Polizia locale

L’allarme dei Comuni: manca un miliardo nelle casse pubbliche

L’allarme arriva dai Comuni italiani. Nel 2017 nelle casse pubbliche sarebbero dovuti entrare circa due miliardi e mezzo provenienti dalle multe, e invece il totale si è attestato a un miliardo circa. Un buco da un miliardo e mezzo che di certo non aiuta le giunte comunali. E il problema riguarda tutta Italia, da Nord a Sud.

Ai furbetti del volante, che inventano stratagemmi svariati per evitare di pagare, si aggiungono quelli che semplicemente non paga nella speranza di non essere scoperto e con la consapevolezza che un’eventuale sanzione con la mora possa essere tagliata dalla rottamazione delle cartelle. In questo modo mora e interessi non si pagane.

Resta solo il valore originario della multa. Insomma, per molti il gioco vale la candela. Nella peggiore delle ipotesi si pagherà la sovvenzione con qualche anno di ritardo e qualche odo burocratico in più. Nella migliore delle ipotesi – per i furbi ovviamente – lo Stato non chiederà mai i soldi dovuti.

Autovelox
Fonte foto: https://www.facebook.com/zona.romanord

Chi paga le multe? Solo quattro italiani su dieci

I numeri sono particolarmente preoccupanti. In Sicilia pagano solo due automobilisti su dieci, un dato che testimonia una vera e propria emergenza per i Comuni dell’isola che ogni anno vedono sparire del nulla migliaia di euro che dovrebbero essere regolarmente e legittimamente a bilancio.

Allargando il discorso ai confini nazionali, pagano la multa quattro automobilisti su dieci circa. Parliamo di un poco onorevole 40% che di certo non regala una buona immagine degli automobilisti italiani.


TomTom per auto: caratteristiche, funzionalità e prezzi

MotoGP, Marquez domina al Sachsenring. Vinales e Crutchlow sul podio