Via alle trattative tra Usa e Taiwan. L’iniziativa in questione rischia di sollevare un ulteriore polverone con la Cina.

Iniziano le trattative per un’iniziativa commerciale bilaterale tra Usa e Taiwan. L’iniziativa in questione rischia di sollevare un ulteriore polverone con la Cina, i cui rapporti son già tesi. Ma nonostante ciò, le trattative commerciali sono già fissate per l’inizio dell’autunno. A rendere nota la notizia l’agenzia Bloomberg, che ha citato l’ufficio del rappresentante per il Commercio americano. 

Secondo quanto riportato dall’agenzia, le trattative tra Usa e Taiwan “rafforzeranno i nostri rapporti commerciali e di investimento. Porteranno avanti le priorità comuni sul fronte commerciale, promuoveranno l’innovazione e la crescita economica inclusiva per i lavoratori e le imprese”. 

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

La portavoce Shu: “Prerequisito per la partecipazione di Taiwan”

Ma la Cina non sembra essere d’accordo con l’iniziativa, e ha lanciato quella che ha tutta l’aria di essere una minaccia. Difatti, la Cina ha annunciato che prenderà “tutte le misure necessarie per salvaguardare con decisione sovranità, sicurezza e interessi di sviluppo”. 

Bandiera Cina

La portavoce ha aggiunto: “Taiwan e Usa hanno dichiarato che avvieranno colloqui commerciali nell’ambito di una nuova iniziativa, ma la politica dell’Unica Cina è un prerequisito per la partecipazione di Taiwan alla cooperazione economica con i Paesi esteri”.  

La portavoce del ministero del Commercio Shu Jueting ha dichiarato che la Cina “si oppone sempre a qualsiasi forma di scambio ufficiale tra qualsiasi Paese e la regione cinese di Taiwan, compresi i negoziati e la firma di accordi con connotazioni sovrane o di natura ufficiale”.  

E aggiunge che la questione di Taiwan “è la più importante, delicata e centrale nelle relazioni sino-americane. La parte statunitense dovrebbe attenersi al principio dell’Unica Cina e ai tre comunicati congiunti. Attuare seriamente l’impegno assunto di non sostenere l’indipendenza di Taiwan. E gestire con prudenza le relazioni economiche e commerciali con Taipei” infine “rispettare pienamente gli interessi fondamentali della Cina”, dice. 

La portavoce del ministero del Commercio Shu Jueting ha concluso spiegando che si tratta di una situazione generale alla cui base ci sono le relazioni diplomatiche, economiche e commerciali tra Cina e Usa, e la “pace, la stabilità e la prosperità nel mondo”. 

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 18-08-2022


Suicidio assistito, via libera per 44enne 

Sindrome post-Covid: rischio disturbi a 2 anni da contagio