La Cina pronta a vaccinare contro il Covid i bambini dai 3 agli 11 anni. Una decisione per tornare prima alla normalità.

PECHINO (CINA) – La Cina è pronta a vaccinare contro il Covid i bambini dai 3 agli 11 anni. Una decisione, come precisato dall’Ansa, per cercare di tornare il prima possibile alla normalità e contrastare gli ultimi focolai che si sono registrate in diverse zone.

Dopo una frenata nelle ultime settimane, in alcune regioni del Paese i numeri sono tornati a salire e per questo motivo Pechino ha deciso di continuare a seguire la politica di tolleranza zero nei confronti della pandemia per evitare una risalita dei contagi in tutto il Paese.

Super Green Pass, tutte le regole per viaggiare a Natale

La decisione della Cina sui vaccini ai bambini

La Cina è pronta a vaccinare i bambini. Come scritto dall’agenzia di stampa italiana, in alcune province si è dato il via libera alla vaccinazione per i piccoli dai 3 agli 11 anni. Una decisione presa per cercare di fermare il prima possibile la formazione dei nuovi focolai e ritornare alla normalità.

Una scelta che porterà molti Stati a guardare sicuramente con attenzione a Pechino per capire gli effetti che potrebbero sulla curva epidemiologica. Si tratta, come detto, di un passaggio fondamentale per mettersi alle spalle questo momento molto complicato dovuto alla pandemia da coronavirus.

Vaccino Covid
Vaccino Covid

L’Ema pronta a dare il via libera ai vaccini per i più piccoli

Anche l’Ema si prepara a dare il via libera al vaccino per i più piccoli. Il confronto è sicuramente ancora aperto all’interno dell’agenzia del farmaco europeo, ma la decisione definitiva è attesa sicuramente nelle prossime settimane dopo la richiesta avanzata da Pfizer.

Si tratta di un passaggio sicuramente fondamentale per il ritorno alla normalità. I dettagli saranno comunicati a breve, ma l’Italia si è detta pronta ad affrontare anche questa vaccinazione.

Riproduzione riservata © 2021 - NM

coronavirus vaccino coronavirus

ultimo aggiornamento: 25-10-2021


Assolta l’ex infermiera di Lugo. Poggiali torna libera

La Cassazione: “Multa illegittima se l’autovelox non è segnalato”