Seicento persone hanno circondato l’abitazione del cittadino italiano accusandolo di aver ucciso il vicino di casa.

Dramma in Honduras, dove un cittadino italiano è stato linciato dalla folla. L’uomo, Giorgio Scanu, è stato aggredito da seicento persone inferocite che hanno dato fuoco alla sua casa e alla sua automobile.

Dramma in Honduras, cittadino italiano linciato da seicento persone

Stando alle prime ricostruzioni, la folla, si parla di seicento persone, si è scagliata contro il cittadino italiano accusandolo di aver ucciso il suo vicino di casa. In pochi minuti seicento persone, molte delle quali armate con bastoni, armi da taglio e pietre, hanno accerchiato la casa dell’italiano. Alcuni hanno fatto irruzione nell’abitazione allo scopo di ucciderlo. L’uomo è stato linciato dalla folla inferocita, che ha poi dato alle fiamme la casa e la macchina di Scanu.

Secondo la ricostruzione fornita da tn8.tv, l’omicidio del vicino di casa dell’italiano sarebbe stato ripreso dalle telecamere di sorveglianza. La folla, visionate le immagini, ha aperto la caccia al nostro connazionale facendo irruzione nella propria abitazione. Secondo quanto riferito dalla stampa locale, tra il cittadino italiano e il suo vicino di casa i rapporti sarebbero stati tesi da tempo.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Ambulanza
Ambulanza

L’intervento della polizia

I media riferiscono che a nulla a servito l’intervento della polizia, che non ha potuto fermare la folla inferocita. Resta da capire se ora la Farnesina prenderà posizione. Con ogni probabilità il governo italiano chiederà spiegazioni per quanto accaduto.

Le autorità locali hanno aperto un’inchiesta per ricostruire quanto accaduto e per risalire ai responsabili del drammatico assalto all’abitazione del cittadino italiano.

5 arresti per l’italiano linciato dalla folla in Honduras

Le autorità locali hanno proceduto con cinque arresti per la morte del cittadino italiano linciato dalla folla in Honduras. La notizia è stata comunicata dai media locali che citano le autorità. I soggetti fermati hanno tra i 19 e i 55 anni di età e avrebbero preso parte al linciaggio.


Rt e incidenza in risalita, aumenta la circolazione della variante Delta. Il monitoraggio Iss

L’ultimo saluto a Raffaella Carrà