Servono almeno 60 milioni, il Milan non ha intenzione di farlo partire.

Tutte le big di Europa lo stanno puntando come obiettivo di mercato, eppure il Milan di Gattuso lo tiene stretto. Il centrale Alessio Romagnoli, dopo un’annata da vero leader difensivo con la maglia rossonera, a oggi rappresenta una pedina fondamentale nello scacchiere degli undici titolari.

La domanda che in molti si pongono visti i numerosi rumors a riguardo, è se il classe ’95 non rischia di essere venduto in estate considerate le incognite di bilancio societarie. Al momento, la possibilità che il ragazzo venga ceduto è remota, certo durante il mercato estivo nessuna trattativa è da escludersi ma per ottenere a titolo definitivo il cartellino del calciatore serviranno almeno 60 milioni.

Gennaro Gattuso Juventus-Milan
Fonte foto: https://www.facebook.com/ACMilan/

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

La clausola stipulata con la Roma

Forse in molti non sanno che quando il giocatore fu acquistato dalla Roma, la società di via Aldo Rossi stipulò un contratto dove all’interno venne stipulata una clausola in favore dei giallorossi sulla futura rivendita del cartellino. In caso di cessione infatti, i rossoneri saranno obbligati a riconoscere il 30% dal valore eccedenti i 25 milioni investiti per l’acquisto.

In parole semplici, il Milan cedesse Romagnoli a 60 milioni, dovrebbe versare 10,5 milioni, ottenendo una plusvalenza di 39,4. Questo è il motivo, tra i tanti, per il quale il giocatore è ritenuto incedibile.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

milan

ultimo aggiornamento: 03-06-2018


Milan, ecco quando dovrebbe arrivare il verdetto dell’Uefa

Italia-Olanda, la conferenza stampa di Mancini: “Ecco chi scenderà in campo”