Moncalieri (Torino), clochard muore in sala d'attesa del Pronto Soccorso

Moncalieri (Torino), clochard muore in sala d’attesa del Pronto Soccorso

Tragedia al Pronto Soccorso di Moncalieri (Torino). Un clochard è morto della sala d’attesa e nessuno se ne era accorto.

MONCALIERI (TORINO) – Possibile caso di malasanità all’ospedale di Moncalieri, paesino in provincia di Torino. Come raccontato dall’edizione odierna de La Stampa, nella notte tra il 1° e il 2 maggio un clochard ha perso la vita nella sala d’attesa del Pronto Soccorso dell’ospedale della città piemontese.

La stranezza di questo caso è che a lanciare l’allarme è stato uno dei pazienti. L’uomo, infatti, si era addormentato sulla sedia e la morte è avvenuta durante il sonno. In attesa di identificare la vittima, la Procura ha aperto un’inchiesta per accertare meglio la vicenda. Sono stati autorizzati tutti i controlli medico-legali che servono a chiarire quanto successo all’ospedale di Moncalieri. Al momento nessuna persona è stata iscritta sul registro degli indagati ma non è escluso che nelle prossime ore ci possano essere delle importanti novità in questo senso.

Ambulanza
Fonte foto: https://www.facebook.com/ItalianRedCross

Clochard deceduto al Pronto Soccorso di Moncalieri, indagano gli inquirenti

La morte del clochard al Pronto Soccorso di Moncalieri si tinge di giallo. L’uomo è stato notato da alcuni passanti fuori un supermercato di La Loggia, sempre un paesino in provincia di Torino. Le persone – visto i suoi rifiuti ad andare in ospedale – hanno chiamato un’ambulanza per fargli effettuare tutti i controlli del caso.

I medici, inizialmente, non hanno trovato nessuna patologia in particolare ma allo stesso tempo gli hanno consigliato di rimanere per fare degli accertamenti più approfonditi. Proprio durante l’attesa degli accertamenti il clochard è morto in ospedale. Un decesso abbastanza sospetto che è al vaglio della Procura. L’indagine aperta al momento è a carico di ignoti ma nelle prossime ore potrebbero essere iscritti sul registro degli indagati i primi nomi coinvolti nella vicenda.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/ItalianRedCross/

ultimo aggiornamento: 04-05-2019

X