Il colloquio di Papa Francesco con il giornalista Nelson Castro: “Non mi fa paura la morte. La immagino qui a Roma. Non torno in Argentina”.

ROMA – Lungo colloquio di Papa Francesco con il giornalista Nelson Castro. L’incontro è avvenuto nel febbraio 2019 per un libro del cronista sulla salute dei Papi. A distanza di due anni il quotidiano argentino La Nacion ha anticipato parte dell’intervista, tradotta da VaticanNews.

Il momento difficile di Papa Francesco

Papa Francesco in questa intervista ha raccontato il momento più difficile della sua vita quando, a 21 anni, ha subìto l’asportazione del lobo superiore del polmone per tre cisti: “Il dolore che sentivo dopo l’anestesia era molto intenso, ma ho sempre avuto la convinzione che sarei guarito […]. Negli anni successivi non ho mai provato affaticamento o mancanza di respiro […]“.

Bergoglio è ritornato anche sul suo passato: “Non mi sono mai psicanalizzato. Quando ero provinciale dei Gesuiti, durante i giorni terribili della dittatura, in cui ho dovuto portare le persone in clandestinità fuori dal Paese per salvare le loro vite, ho dovuto gestire situazioni che non sapevo come affrontare. Sono andato a trovare una signora, che mi aveva aiutato a leggere alcuni test psicologi per novizi. Così, per sei mesi, l’ho consultata una volta a settimana […]“.

udienza privata Papa Francesco
Papa Francesco

Papa Francesco sulla morte

Per il Pontefice anche su un passaggio sulla morte: “Non ho paura di morire. La mia morte la immagino come Papa, in carica o emerito. E a Roma. Non tornerò in Argentina“.

Parole che non chiudono, quindi, ad un passo indietro in futuro da parte di Bergoglio. La strada intrapresa in passato da Ratzinger potrebbe essere seguita anche da Papa Francesco. Nessuna decisione presa, Bergoglio continuerà a guidare la Chiesa ancora per diversi anni. Le dimissioni potrebbero arrivare solo in caso di un peggioramento delle sue condizioni di salute.


Spari in strada a Roma, anziana ferita per sbaglio

Poeta-ingegnere porta in tribunale l’Accademia della Crusca per l’utilizzo di ‘terrone’ come dispregiativo