Coronavirus in Italia, la nuova ordinanza del Ministro della Salute Roberto Speranza: i colori delle regioni dal 1 febbraio e le regole.

Il 1 febbraio entra in vigore la nuova ordinanza del Ministro della Salute Roberto Speranza, che in base ai dati del monitoraggio dell’Iss del 29 gennaio cambia la colorazione di molte Regioni.

L’ordinanza del Ministro della Salute Roberto Speranza

In realtà le ordinanze firmate dal Ministro Speranza sono 2: con la prima Calabria, Emilia Romagna, Lombardia e Veneto diventano zona gialla, e con la seconda classifica la Sicilia e Bolzano in Arancione. Inoltre la seconda ordinanza conferma la Puglia e l’Umbria in zona Arancione.

I colori delle Regioni dal 1 febbraio

Alla luce della nuova ordinanza, la maggior parte delle regioni italiane si trova in zona Gialla. Inoltre nessuna regione si trova in zona Rossa, quella a più alto rischio e con regole più stringenti.

Le Regioni in zona Gialla sono Abruzzo, Calabria, Campania, Basilicata, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Lombardia, Liguria, Marche, Molise, Piemonte, Provincia autonoma di Trento, Toscana, Valle d’Aosta, Veneto.

Invece in zona Arancione ci sono Provincia Autonoma di Bolzano, Puglia, Sardegna, Sicilia, Umbria.

Come anticipato, in zona Rossa non ci sono Regioni.

Di seguito il testo dell’ordinanza del Ministro della Salute Roberto Speranza.

Coronavirus zona Arancione
Fonte foto: https://www.facebook.com/palazzochigi.it

Le regole in Zona Gialla

Come noto la zona Gialla è quella a minor rischio se escludiamo la zona Bianca, al momento mai raggiunta da nessuna Regione o PA.

Le regole per gli spostamenti

In zona Gialla è possibile spostarsi liberamente su tutto il territorio Regionale. È possibile quindi spostarsi tra Comuni differenti ma non è possibile superare i confini regionali. In base alle nuove indicazioni, è possibile trasferirsi in un’altra Regione per recarsi nella seconda casa.

Il coprifuoco

Dalle ore 22.00 alle 5.00 del mattino seguente scatta il coprifuoco, quindi non è possibile uscire di casa se non per motivi di lavoro, salute, necessità.

Bar e ristoranti

Bar e ristoranti sono aperti dalle ore 5 ma fino alle ore 18.00. Dopo le 18.00 è possibile il servizio a domicilio e l’asporto. L’asporto dalle 18.00 in poi è consentito solo da locali con cucina.

I negozi

I negozi sono regolarmente aperti nel rispetto delle norme contro il Covid. Nel fine settimana chiudono i parchi e i centri commerciali.

I musei

In zona Gialla sono aperti i musei, che aprono le porte alle visite contingentate dal lunedì al venerdì.

Zona Gialla Coronavirus
Fonte foto: https://www.facebook.com/palazzochigi.it

Le regole in zona Arancione

La zona Arancione è la fascia intermedia di rischio. Rispetto alla zona gialla ci sono restrizioni considerevoli.

Le regole per gli spostamenti

Per quanto riguarda gli spostamenti, in zona Arancione è possibile muoversi liberamente all’interno del proprio Comune di residenza. È possibile lasciare il Comune solo per motivi di lavoro, salute o necessità. È possibile inoltre spostarsi in due per andare a fare visita a casa ad un amico o ad un parente.

Il coprifuoco

Anche nella fascia intermedia di rischio ovviamente resta valido il coprifuoco dalle 22.00 alle 5 mattino seguente. In queste ore non è possibile uscire di casa se non per motivi di lavoro, salute o necessità.

Bar e ristoranti

In zona Arancione bar e ristoranti restano chiusi. Resta consentito l’asporto e il servizio a domicilio. Dopo le 18.00 l’asporto è consentito solo da locali con cucina.

I negozi

Anche in zona Arancione i negozi sono aperti ma con la chiusura dei parchi e dei centri commerciali nel fine settimana.


Vaccino Covid, da Pfizer ulteriori 75 milioni di dosi all’Ue

Crisi di governo, Bonomi (Confindustria) conferma Gualtieri: “Il Recovery è merito suo”