Come funzionano gli incentivi per auto e moto. Domande al via dal 22 luglio.

ROMA – Come funzionano gli incentivi per auto e moto. Da mercoledì 22 luglio sono iniziate le domande per ottenere i contributi dell’ecobonus per acquistare scooter elettrici.

Come funzionano gli incentivi e a quanto ammontano

Per quanto riguarda gli incentivi per motorini e scooter ibridi o elettrici il Governo ha deciso di dividere in questo modo le percentuali dell’ecobonus: il 30% del prezzo d’acquisto fino ad un massimo di 3.000 euro senza rottamazione. Il 40% fino ad un massimo di 4.000 con rottamazione.

Incentivi per le auto

Dal 1° agosto, invece, dovrebbero partire gli incentivi per le auto. Come precisato dal Corriere della Sera, il Governo ha messo a disposizione 55 miliardi di euro anche se al settore delle quattro ruote ne sono stati destinati solo 50 milioni. Una cifra troppo bassa per soddisfare tutte le richieste, per questo si ragiona sulla possibilità di aumentare il fondo fino a 1 miliardo.

Incentivi che possono arrivare fino a 3.500 euro per chi acquista un auto Euro 6. Per poter ottenere l’intera cifra, inoltre, si deve rottamare un mezzo vecchio di almeno dieci anni.

Soldi euro
Soldi euro

Auto elettriche e ibride

Per chi ha intenzione di acquistare un’auto elettrica e ibrida gli incentici possono arrivare fino a 10mila euro se c’è la rottamazione, altrimenti ci si ferma a 6.500 euro.

Sconto per l’usato

Con il decreto rilancio il Governo ha inserito anche uno sconto per i passaggi di proprietà delle auto usate. Si tratta di un passaggio fondamentale per agevolare questi movimenti per vetture che vanno da Euro 0 a Euro 3.

Una misura che ha ancora degli aspetti da chiarire e nelle prossime settimane sarà l’Agenzia delle Entrate a rispondere a tutti i dubbi delle persone interessate a fare il passaggio di proprietà con lo sconto previsto dalla maggioranza per rilanciare l’economia dopo l’emergenza coronavirus.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
auto Auto usate economia motori motorini

ultimo aggiornamento: 27-07-2020


L’allarme dell’Istat: persi 500mila occupati da inizio pandemia

Corte dei Conti: “Pil peggiore delle stime del Governo”. E Fitch prevede una crescita zero per il prossimo quinquennio