Come richiedere l’assegno unico per i figli. Ecco tutti i dettagli per avere il bonus deciso dal Governo.

ROMA – L’assegno unico per i figli è diventato realtà. Con l’approvazione in Consiglio dei ministri, il provvedimentoha finalmente una forma con il decreto attuativo. “Sono molto soddisfatta – ha detto la ministra Elena Bonetti in una trasmissione radiofonica e riportata da La Siciliaè un provvedimento che mi ha visto impegnata in prima persona e finalmente risponde alle richieste di tutti gli italiani“.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Come richiedere l’assegno unico per i figli

Le domande per poter avere questo bonus potranno essere presentate dal 1° gennaio sul sito dell’Inps. Per richiedere l’Assegno Unico per i figli è necessario presentare l’Isee. Se la dichiarazione non è depositata oppure se l’Isee supererà i 40.000 euro, la famiglia avrà diritto all’assegno più basso, da 50 euro. Per gli Isee più bassi la cifra è di 175 euro.

“La domanda per il riconoscimento dell’assegno è presentata a decorrere dal 1° gennaio. La presentazione della domanda avviene in modalità telematica all’INPS ovvero presso gli istituti di patronato. Per i nuclei percettori di Reddito di cittadinanza, l’assegno unico e universale è corrisposto d’ufficio congiuntamente con il Reddito di cittadinanza e secondo le modalità di erogazione di quest’ultimo, sottraendo la quota prevista per i figli minori“, si legge nel comunicato stampa pubblicato sul sito del governo.

soldi euro
soldi euro

Chi ne ha diritto

Possono richiedere il il bonus persone con figli dai 0 ai 21 anni (dai 18 ai 21 la cala in base alla fascia ISEE) e le domande potranno essere presentate anche dal settimo mese di gravidanza.

Il requisito dell’età, invece, non vale per i disabili e per loro è prevista anche una cifra in più che va dagli 85 ai 105 euro. Anche questa cifra, naturalmente, dipenderà dall’Isee.

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 18-11-2021


La grande svolta di Apple, arriva il Self Service Repair

Lagarde: “La Bce deve esercitare pazienza e persistenza”