Come usufruire degli incentivi per la ristrutturazione?

Tutte le agevolazioni fiscali previste per il miglioramento della propria abitazione

Come usufruire degli incentivi per la ristrutturazione? Il limite di spesa e i documenti da presentare per la detrazione dall’IRPEF.

Cosa si intende per ristrutturazione?

La ristrutturazione vera e propria di un immobile è naturalmente al centro degli incentivi fiscali previsti dalla Legge di Stabilità 2017, tuttavia non costituisce il solo intervento detraibile che è possibile operare sulla propria abitazione.

Il Sismabonus è la detrazione fiscale che viene assicurata a chi investe per adeguare la propria abitazione alle misura di sicurezza antisismica vigenti. Tale bonus si applica soltanto nelle zone ad alto rischio sismico e non in tutta Italia.

Si può detrarre dall’Irpef fino al 50% dei costi sostenuti per questi interventi, ma si può arrivare fino all’80% in casi di particolare gravità o urgenza dell’intervento. Si tocca l’85% quando a trarre giovamento dai lavori di consolidamento non è una singola abitazione ma un intero condominio. Il tetto massimo di spesa per ogni singolo immobile è di 96.000 Euro.

L’Ecobonus è previsto invece per rimborsare parzialmente quegli interventi volti a migliorare le prestazioni energetiche della propria abitazione e, in generale, a ridurre i consumi. Rimarrà in vigore fino al 2021.

Anche per questo genere di interventi il tetto massimo è di 96.000 Euro spesi per una singolo immobile.

A completamento dell’Ecobonus riservato alle ristrutturazioni edili di un immobile ci sono le detrazioni per l’acquisto di elettrodomestici di classe A+ (il forno fa eccezione: basta la classe A).

La ristrutturazione di un immobile propriamente detta invece passa non solo per il consolidamento della sua struttura, ma anche la manutenzione straordinaria, la manutenzione ordinaria di parti comuni a più proprietari.

Ancora una volta il tetto massimo è fissato a 96.000 Euro per singolo immobile.

Come usufruire degli incentivi per la ristrutturazione?

Proprietari, inquilini, usufruttuari e detentori di nuda proprietà hanno tutti pari diritto di usufruire degli incentivi per la ristrutturazione previsti dall’attuale Legge di Stabilità.

La documentazione da presentare per la detrazione IRPEF è la seguente:

  • Fattura
  • Dichiarazione di ristrutturazione
  • Bonifico Parlante

Una volta ottenuta, la detrazione IRPEF sarà eseguita in 10 rate di pari importo.

certificato_unicasim

ultimo aggiornamento: 17-05-2017

X