Nel Metaverso si può trovare ormai di tutto, ora c’è anche il più antico autosalone Mercedes presente in Italia.

Metaverso, realtà virtuale, Nft: tutti termine che fino a qualche anno erano pressoché sconosciuti e con cui ora stiamo iniziando sempre di più ad avere a che fare. Sono sempre di più le persone che decidono di addentrarsi in questa evoluzione di internet, tanti coloro che fanno, o che vorrebbero fare, affari nelle realtà virtuale. Nel Metaverso possiamo trovare ormai di tutto, qualsiasi attività, e non stupisce quindi più di tanto la notizia che anche Trivellato, il più antico e prestigioso autosalone Mercedes presente in Italia abbia deciso di allargarsi all’interno dell’universo virtuale.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Cosa si fa un concessionario nel Metaverso

“Da sempre guidata dalla voglia di esplorare e, soprattutto, di anticipare i tempi, Trivellato sta puntando sempre più a un approccio omnicanale, riportando l’attenzione al vero cuore dell’attività: i lead e i clienti” ha spiegato Marco Viaro, new car sales director del gruppo, come riporta Forbes.

Volante Mercedes
Volante Mercedes

Ma cosa si può fare all’interno di un autosalone presente nel Metaverso? Il cliente può esplorarlo, visionare i vari modelli di auto esposte, proprio come se fosse all’interno dello show-room reale. Inoltre potrà arricchire la propria esperienza interagendo con chi lavora all’interno del salone e approfondendo la conoscenza di ogni automobili con video ma anche eventi.

Insomma, il cliente può fare tutto e anche di più rispetto a quanto potrebbe fare recandosi fisicamente in un concessionario Mercedes. “Ogni utente diventa un avatar e può interagire con i vari contenuti e con il product expert, figura chiave che segue il processo da un canale dedicato. All’interno del salone virtuale sono presenti vetture a rotazione del brand Mercedes-Benz: il cliente può approfondire diversi tipi di contenuto, dai video-prodotto alle schede veicolo, fino al listino prezzi” ha spiegato sempre Luca Crisà.

Guidare nel Metaverso e guidare nella realtà

Se il Metaverso può sostituire la realtà per quanto riguarda la scoperta delle varie automobili e l’esplorazione del concessionario, c’è un aspetto in cui non potrà mai eguagliare la realtà: l’esperienza di guida.

Per quanto simile alla realtà sia, una guida virtuale, simulata, non potrà mai pareggiare le sensazioni, emozioni, che può dare mettersi al volante di un’auto vera e propria.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 22-07-2022


F1, Gran Premio di Francia 2022: ecco dove vedere il GP

All’asta la Cadillac di Al Capone, ma nessuno vuole comprarla