Caso Djokovic, la conferenza stampa della famiglia del tennista. Il fratello del tennista: “Posiamo ancora lottare per la verità e i diritti umani”.

Nella giornata del 10 gennaio, dopo che la corte ha accolto il ricorso presentato dai legali di Novak Djokovic, la famiglia del tennista ha tenuto una conferenza stampa per fare il punto della situazione sul caso che ha fatto discutere il mondo dello sport e non solo.

Green Pass e Super Green Pass, tutte le regole dal 10 gennaio

La conferenza stampa della famiglia di Novak Djokovic

Novak è libero. Pochi istanti fa si è allenato, era su un campo da tennis. È venuto in Australia per giocare a tennis“, ha dichiarato il fratello di Novak Djokovic parlando in conferenza stampa. “Verità e giustizia sono emerse. Vogliamo ringraziare il sistema giudiziario australiano e il giudice Kelly. Lo ha fatto in modo molto neutrale, prestando attenzione ai dettagli. Ha esaminato ogni aspetto di questa storia, ogni fatto“, ha aggiunto il fratello del tennista. “Novak è un uomo onesto ed eccezionale e sono molto felice che lo stato di giustizia esista e che possiamo ancora lottare per la verità e i diritti umani“.

Abbiamo provato a lottare per lui. C’è stato uno spettro di emozioni: tristezza, paura, delusione. Ci sono stati momenti in cui non aveva il suo cellulare e non sapevamo cosa stesse succedendo. Non avevamo idea se stava bene. Come madre, non riesco a riprendermi così facilmente e penso che ogni madre lo capirà“, ha dichiarato la madre di Novak Djokovic in conferenza stampa.

Negli ultimi giorni sono successe varie cose ed è stato molto difficile. Ma è mentalmente forte, un giovane fantastico. Non ha mai offeso nessuno, è sempre stato in buoni rapporti con tutti. Ma ovviamente il fatto che provenga da un paese piccolo e impoverito non era qualcosa che piaceva ai grandi potenti, e pensavano di avere poteri dati da Dio“, ha dichiarato il padre, che ha puntato il dito contro i “potenti“.

Novak Djokovic
Novak Djokovic

Novak Djokovic: “Nonostante tutto quello che è successo, voglio restare”

Sono lieto e grato che il giudice abbia annullato la mia cancellazione del visto. Nonostante tutto quello che è successo, voglio restare e provare a competere agli AustralianOpen. Rimango concentrato su quello. Ho volato qui per giocare in uno degli eventi più importanti che abbiamo davanti ai fantastici fan“, ha scritto Djokovic in un post condiviso sul proprio profilo Twitter ufficiale.

Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per seguire News Mondo su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 10-01-2022


Il governo australiano, Djokovic non è stato arrestato

La difesa di Djokovic: “Sono stati commessi degli errori”