Il Congresso della Lega approva a unanimità il nuovo statuto. Addio al federalismo con il partito di via Bellerio che diventa nazionale.

MILANO – Il 21 dicembre 2019 può essere segnata come una data storica per la politica italiana. A Milano, infatti, è stato approvato dal Congresso della Lega il nuovo statuto. Addio, quindi, al federalismo dato vita da Umberto Bossi nel febbraio 1991 con il partito di via Bellerio che diventa a tutti gli effetti nazionale.

In realtà, questo cambiamento è stato iniziato da Matteo Salvini ormai diversi anni fa con la nuova Lega Salvini Premier. Il tutto, però, è stato ratificato solamente in questo 21 dicembre con l’intenzione di dare vita ad un movimento apprezzato in tutta Italia e non solo al Nord, come successo in passato.

Come cambia la Lega

In questo congresso si cambia lo statuto anche se la denominazione Lega Nord non ‘scompare’ definitivamente: “Ci saranno delle modifiche di adeguamento della forma giuridica – aveva precisato Giancarlo Giorgetti il mondo intorno è cambiato e quindi dobbiamo declinare la nostra idea di autonomia alla globalizzazione. Il 2020 per noi resta un anno cruciale per decidere le regole di funzionamento della democrazia nel nostro Paese“.

La novità più importante resta il doppio ‘tesseramento’ con gli iscritti che potranno aderire anche ad un altro partito o movimento politico (Lega e Lega Salvini Premier).

Umberto Bossi resta presidente a vita del suo Carroccio e resta garante dell’Unità della sua creatura. Il Senatur non potrà però assumere poteri e competenze del consiglio federale in caso di dimissioni (o caduta) del Segretario.

Le sezioni provinciali dovrebbero rientrare nella competenza del partito Lega Salvini Premier.

Matteo Salvini Roma
fonte foto https://www.facebook.com/legasalvinipremier/

Le ‘Sardine’ a Milano. Bossi: “Abbiamo iniziato anche noi così”

Il congresso è un’occasione per far scendere in piazza le ‘Sardine’ di Milano. In contemporanea alla ‘riunione’ del partito di via Bellerio, il movimento è pronto a fare un flash-mob non distante dall’hotel che ospiterà tutti i membri del Carroccio. “Il cambio di statuto – precisano gli organizzatori del movimento – renderà molto più difficoltosa la restituzione dei 49 milioni di euro sottratti allo Stato, che rimarranno a carico della ‘bad company’ Lega Nord“.

Sul movimento è intervenuto anche Umberto Bossi: “Non penso che diventeranno partito – ha detto il Senatur – perché esiste già una forza politica che si chiama Pd. Bisogna prestare molta attenzione perché anche noi abbiamo iniziato come loro e potrebbero aumentare il consenso dei democratici“.

Bossi ha poi parlato anche della rivoluzione nazionale in seno alla Lega.

Col cavolo che questo è un funerale… Il funerale è per gli altri. Ci sono discussioni, ma le discussioni sono normali in un partito”. “Oggi non si chiude nessuna lega. Ci siamo messi d’accordo sul nuovo tesseramento sapendo che non cambierà il mondo. Anche sulla questione del simbolo, non vedo niente di particolarmente in contrario […]. Il doppio tesseramento lo possiamo concedere, siamo noi che concediamo e Salvini, lo diciamo con franchezza, non può imporci un cazz…“.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/legasalvinipremier/

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
congresso lega evidenza lega politica primo piano Ultima Ora

ultimo aggiornamento: 21-12-2019


Prescrizione, Italia Viva ribadisce il proprio no. Renzi: “Orgoglioso di aver votato contro”

Milleproroghe, via libera salvo intese. Dalle autostrade agli scooter, cosa prevede