Libia, Giuseppe Conte incontra Khalifa Haftar nel tentativo di raggiungere un accordo che possa far rientrare la crisi dopo le recenti operazioni militari. Al Serraj cancella l’incontro.

Crisi in Libia, Al Serraj e Haftar a Roma da Giuseppe Conte. Il premier italiano prova a riequilibrare la questione libica, che rischia di degenerare in una crisi con ripercussioni anche sull’Unione europea. Il tentativo del premier italiano si è scontrato con la rivalità tra i due leader. Serraj ha infatti disdetto l’incontro a Palazzo Chigi, probabilmente dopo aver avuto notizia della presenza del Generale.

Nei giorni scorsi il Ministro degli Esteri italiano Luigi Di Maio ha ribadito come l’unica soluzione possibile sia quella del dialogo. Il regista della grande operazione diplomatica è quindi il Presidente del Consiglio, ambasciatore di tutta l’Unione europea che guarda con fiducia a Palazzo Chigi.

Libia, Conte incontra Khalifa Haftar, Al Serraj rinuncia

Giuseppe Conte ha incontrato Khalifa Haftar. Si è trattato di un incontro individuale con lo scopo di risolvere la questione libica, ormai a un passo dalla crisi per il conflitto sul territorio che negli ultimi giorni ha vissuto un nuovo aumento della tensione con azioni militari ad ampio raggio.

Al Serraj, atteso in un primo momento a Palazzo Chigi, ha cancellato l’incontro forse dopo aver appreso la notizia della presenza del rivale. Stando alla ricostruzione dei media russi, Sarraj avrebbe cancellato l’incontro dopo aver saputo che il premier italiano avrebbe incontrato prima Haftar e poi lui, il rappresentante di quello che dovrebbe essere il governo riconosciuto come legittimo.

L’Italia lavora per la distensione sullo scenario libico. Ma ora con un problema di credibilità

Ai due incontri avrebbero lavorato gli uomini dell’intelligence che avevano aperto la strada ai due bilaterali che avrebbero dovuto portare a una nuova fase di distensione sullo scenario libico, altra crisi che agita l’Unione europea soprattutto dopo l’escalation della tensione nel conflitto tra Usa e Iran.

Il tentativo di Giuseppe Conte sembra essere naufragato. L’assenza di al Serraj testimonierebbe la scarsa predisposizione al dialogo per provare a risolvere la situazione.

Ma non è tutto. La gaffe diplomatica delle autorità italiane rende il governo di Roma decisamente poco credibile agli occhi degli altri Stati europei e non solo.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Giuseppe Conte
Fonte foto: https://www.facebook.com/GiuseppeConte64

Matteo Salvini, “Conte incapace e pericoloso”

Le opposizioni non potevano non approfittare della situazione per mettere il carico da novanta sulle spalle di Conte, che evidentemente ha realizzato nel peggiore dei modi che qualcosa nella macchina diplomatica non aveva funzionato come avrebbe dovuto.

Matteo Salvini ha definito il premier come un soggetto “incapace e pericoloso“.

Josep Borrell: “La situazione in Libia è molto pericolosa”

La situazione in Libia è molto pericolosa. Stiamo aspettando la visita del primo ministro libico Al-Sarraj. Incontreremo a Bruxelles o a Roma altri leader libici per analizzare con loro la situazione“, ha evidenziato Josep Borrell. L’Unione europea partecipa quindi attivamente agli sforzi dell’Italia, intenzionata ad evitare che la situazione possa definitivamente degenerare.

ultimo aggiornamento: 09-01-2020


Tensioni Iran-Usa, Donald Trump sfida Teheran: “Non avrà mai la bomba atomica” (VIDEO)

Scontro al governo su Autostrade. M5s, ‘Lo stato non accetta carità’