Secondo il leader dei pentastellati Giuseppe Conte, il metodo utilizzato da Draghi durante il suo mandato non è salutare per la democrazia.

Secondo il parere di Giuseppe Conte, il leader dei pentastellati Giuseppe Conte, il metodo proposto da Mario Draghi potrebbe non essere salutare per la democrazia italiana. Stando a quanto riferito dal leader del Movimento Cinque Stelle, con il governo Mario Draghi “non c’era confronto, né condivisione con i capidelegazione”.

Conte Di Maio Salvini

Conte continua con le sue asserzioni a Radio Cusano Campus: “Ci sono gli orfani della forma di governo e dell’agenda Draghi, il Pd, Calenda, Renzi, che auspicano ancora di poter nascondere le loro responsabilità politiche dietro l’ombrello della formula Draghi: sia come agenda priva di contenuti, sia come metodo che, se diventasse la regola, sarebbe insidioso per nostra democrazia”.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Il leader dei Cinque Stelle: “La politica deve fare scelte di responsabilità”

Infine conclude: “Non c’era confronto, né condivisione con i capidelegazione, si decideva al chiuso di alcuni ministeri. È un’agenda che non auspico affatto per la salute della nostra democrazia. La politica, quella che ha visione, strategia e un progetto di Paese, deve riappropriarsi di questo spazio pubblico, fare scelte di responsabilità”.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 02-09-2022


Biden attacca Trump: minaccia la democrazia

Crolla presso gas. Von Der Leyen: ” E’ tempo di un tetto al prezzo del gas”