Cosa sono le controversie tributarie e quanto costa sostenerle

Risolvere le controversie tributarie a costi agevolati entro il 2 Ottobre

chiudi

Caricamento Player...

Le controversie tributarie sono procedimenti giurisdizionali con i quali si regolano i rapporti tra i contribuenti e il fisco quando questi non sono pacifici.

Quando si istituiscono le controversie tributarie?

Quando un contribuente ritiene ingiusti o comunque non regolamentari gli atti amministrativi dell’amministrazione finanziaria ha diritto di impugnarli.

In questo caso parte una controversia tributaria, il cui fine è stabilire la correttezza della procedura a seguito del quale l’atto impugnato è stato emanato.

Si può aprire una controversia tributaria in merito a uno dei seguenti atti:

  • avviso di accertamento o liquidazione del tributo
  • ruolo e cartella di pagamento
  • avviso di mora
  • iscrizione di ipoteca su immobili
  • fermo di beni mobili registrati
  • atti relativi a operazioni di catasto
  • rifiuto della restituzione di tributi, sanzioni e altri importi non dovuti dal contribuente
  • negazione o revoca di agevolazioni o il rifiuto di domande di definizione agevolata di rapporti tributari

Quanto costano le controversie tributarie?

Con la circolare 1/DF del 2011 il Ministero delle Finanze ha fissato l’ammontare di un contributo unificato per il processo tributarioa seconda del valore di quest’ultimo. Il valore della controversia corrisponde al valore dell’atto impugnato.

Se si dovessero impugnare più atti con un unico ricorso il valore della controversia sarebbe determinato dalla somma dei valori dei singoli atti e il contributo unificato dalla somma dei contributi dovuti per ogni atto.

Di seguito il valore del contributo unificato in relazione al valore della controversia.

Fino a€ 5.000,00€ 60,00
Fino a€ 25.000,00€ 120,00
Fino a€ 75.000,00€ 250,00
Fino a€ 200.000,00€ 500,00
Oltre € 200.000,00€ 1.500,00

Il Contributo Unificato va versato al momento in cui l’atto introduttivo del giudizio tributario viene depositato davanti alla Commissione Tributaria.

Nel momento in cui viene portata all’attenzione della Commissione Tributaria una controversia tributaria di valore indeterminabile  si procederà a pagare il contributo unificato previsto per le controversie di valore fino a 25.000 Euro, quindi 120 Euro.

Entro il 2 Ottobre 2017 sarà possibile usufruire di una procedura agevolata per chiudere le controversie tributarie pendenti.  Non è prevista alcuna agevolazione per le controversie di valore indeterminabile.
certificato_unicasim