Il presidente ucraino Zelensky è intervenuto alla conferenza sul clima Cop27 accusando la Russia di voler distruggere il clima con la guerra.

Per Volodymyr Zelensky non può esserci nessuna politica concreta sul clima senza la pace. Il presidente ucraino è intervenuto alla conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici a Sharm el Sheik. Ai capi di stato e di governo di tutto il mondo presenti alla Cop27 ha affermato che “La guerra in Ucraina sta distruggendo il clima” accusando la guerra voluta dalla Russia e che sta devastando il suo paese. “È folle e illegale, ostacola la capacità del mondo di lavorare insieme per un obiettivo comune”.

Tutti gli interventi che gli Stati possono decidere di fare contro il cambiamento climatico rischiano di essere “inutili” se non si provvede alla fine del conflitto e a una soluzione di pace. “Non ci può essere una efficace politica sul clima senza la pace”, ha evidenziato appellandosi ai paesi presenti di sostenere l’Ucraina a difendersi. “Chiedo a tutti, Europa, Asia, Africa, America, Australia, di sostenere la nostra azione”. Poi ha ammonito “coloro che non prendono sul serio l’agenda sul clima e che ostacolano l’attuazione degli obiettivi” dicendo “che stanno commettendo un errore catastrofico”.

Volodymyr Zelensky
Volodymyr Zelensky

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Le conseguenze della guerra su tutto il mondo

Zelensky ha ricordato che le conseguenze della guerra potrebbero ripercuotersi su tutto il mondo. “Una drammatica crisi alimentare sta colpendo i Paesi che già stavano affrontando le manifestazioni esistenti del cambiamento climatico: la siccità catastrofica e le inondazioni su larga scala, ad esempio. In Ucraina i bombardamenti russi hanno devastato 5 milioni di acri di foresta in meno di sei mesi” ha sottolineato il presidente.

C’è poi il rischio di una guerra atomica che porterebbe ad una catastrofe umana e ambientale. “Zaporizhzhia è diventato un campo di addestramento militare. Giocano costantemente per collegare e scollegare i loro impianti e reattori nucleari dalla loro rete elettrica. C’è il rischio concreto di un disastro radioattivo”.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 09-11-2022


Cerberus, nuova sotto variante: emergono “segnali positivi”

La gioia dei migranti nel porto di Catania