Altri due missili nordcoreani in direzione del Giappone. Escalation del regime di Pyongyang.

La Corea del Nord nella notte ha lanciato altri due missili verso il Mar del Giappone dopo l’ultimo test che aveva creato tensioni nella regione. I missili sono stati lanciati dall’area di Samsok. Il premier giapponese Kishida ha definito il ripetuto lancio di missili balistici da parte di Pyongyang “assolutamente inaccettabile” riferendo la notizia su Twitter.

Il ministro giapponese della Difesa, Yasukazu Hamada, ha dichiarato che i due missili sono caduti fuori dalla zona economica esclusiva del Giappone. Non ci sono notizie di danni a aerei o navi giapponesi. I due missili nordcoreani hanno volato per una distanza compresa tra 350 e 800 chilometri a un’altitudine che varia tra i 50 ed i 100 chilometri.

Dopo l’ultimo test della Corea del Nord verso il Giappone, il paese insieme a Corea del Sud e Stati Uniti hanno intensificato le esercitazioni congiunte. Per questo motivo il ministero degli esteri nordcoreano avvisa che il nuovo lancio di missili balistici verso il Mar del Giappone fa parte delle “giuste misure di contrasto” alle esercitazioni congiunte tra Stati Uniti e Corea del Sud. E attribuisce ai due paesi la responsabilità che stanno “aumentando le tensioni militari” nella penisola coreana.

Kim Jong-un

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Condanne reciproche tra Usa e Corea del Nord

Infatti, nella nota del ministero degli esteri, la Corea del Nord ha “condannato fermamente” gli Stati Uniti. Anche per la portaerei a propulsione nucleare Uss Ronald Reagan nelle acque della penisola. Pyongyang ha detto che gli Usa rappresentano “una seria minaccia per la stabilità” dell’area.

L’ambasciatrice degli Stati Uniti all’Onu, invece, ha chiesto alla Corea del Nord di “cessare il comportamento sconsiderato e provocatorio”. Ha inoltre denunciato “un’escalation” a seguito del nuovo lancio di missili balistici verso il Mar del Giappone e facendo appello a Pyongyang a “tornare al dialogo”.

Mentre il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha condannato i test missilistici, affermando che i lanci sono una violazione delle risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. I lanci rappresentano “una minaccia” per i Paesi vicini e la comunità internazionale.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 06-10-2022


Cherson, annessione smentita: l’Ucraina riconquista i territori persi 

Kiev si appropria delle armi di Mosca e le usa contro gli ex proprietari