Corinaldo, fermate altre due persone per la strage in discoteca

Ancona, fermate altre due persone per la strage in discoteca. Forse si tratta di una banda di rapinatori

Tragedia di Corinaldo (Ancona), fermati altri due uomini oltre al ragazzo minorenne. Si ipotizza che appartengano a una banda di rapinatori.

Proseguono senza sosta le indagini degli inquirenti per provare a fare luce sulla tragedia avvenuta in una discoteca di Corinaldo in occasione del concerto di Sfera Ebbasta. Nelle ultime ore le forze dell’ordine hanno fermato altre due persone oltre al minore identificato nella giornata di domenica (9 dicembre ndr).

Ancona, fermate altre due persone per la tragedia di Corinaldo. L’accusa è di possesso di droga

Le due persone fermate, così come il minore, sono stati accusati per il momento solo per possesso di droga. Oltre alle testimonianze di alcuni dei presenti, non ci sarebbero prove che incastrerebbero i tre per quanto riguarda l’utilizzo dello spray al peperoncino. In tal senso il primo indiziato resta il minorenne, le cui foto erano state condivise anche sui social da molte persone che si trovavano nella discoteca nella sera della tragedia.

Carabinieri NAS
Fonte foto: https://www.facebook.com/carabinieri.it/

Si sospetta che facessero parte di una banda di rapinatori

L’ipotesi degli inquirenti è che i tre fermati facciano parte di una banda di rapinatori che avrebbe usato lo spray al peperoncino per fuggire dal locale dopo aver messo a segno i furti. Non si esclude che abbiano usato lo spray per evitare di essere riconosciuti.

Il Liceo Medi ricorda le vittime della Stelle Azzurra

Al ritorno a scuola gli studenti del Liceo Medi di Sinigallia hanno voluto ricordare le vittime della Lanterna Azzurra con uno striscione affisso all’ingresso della scuola. “Da un concerto si esce senza voce, non senza vita. Il Liceo Medi ricorda Asia, Emma, Benedetta, Mattia, Daniele, Eleonora“, recita il commovente  messaggio scritto sullo striscione affisso.

Il presidente dell’istituto ha fatto sapere ai giornalisti che la scuola ha previsto un piano di recupero psicologico  per tutti i ragazzi della scuola. Oltre alle vittime della tragedia, infatti, ci sono diversi giovani che sono rimasti feriti nell’inferno della Lanterna Azzurra.

ultimo aggiornamento: 10-12-2018

X