Coronavirus, ventotto migranti positivi a bordo della Moby Zazà, ferma al largo di Porto Empedocle, Agrigento.

Ventotto migranti a bordo della Moby Zazà sono risultati positivi al coronavirus. Si tratta delle persone soccorse in acque internazionali dalla Sea Watch e trasferite poi sulla nave da crociera Moby Zazà, che si trova al largo di Porto Empedocle, Agrigento.

Coronavirus, 28 migranti positivi sulla Moby Zazà

La nave Moby Zazà era stata indicata dal governo per la quarantena dei migranti arrivati in Sicilia. A bordo ci sono le persone soccorse dalla nave Sea Watch in acque internazionali. I controlli hanno evidenziato 28 casi di coronavirus a bordo della nave da crociera. Il rischio è che proprio sul mezzo possa accendersi un pericoloso focolaio.

Coronavirus

Nello Musumeci. “Chi ha vaneggiato accusandoci quasi di razzismo oggi si renderà conto che avevamo ragione”

Dure le parole di Nello Musumeci, Presidente della Regione Sicilia che risponde alle critiche ricevute nelle scorse settimane. Sul numero uno della regione erano piovute critiche aspre per la sua richiesta di procedere con controlli stringenti sui migranti.

“Ventotto migranti positivi al Covid-19. Sono sulla nave in rada a Porto Empedocle, soluzione che con caparbietà abbiamo preteso il 12 aprile scorso dal governo centrale per evitare che si sviluppassero focolai sul territorio dell’Isola, senza poterli circoscrivere e controllare. Oggi si capisce meglio quella nostra richiesta”.

“E chi ha vaneggiato accusandoci quasi di razzismo, oggi si renderà conto che avevamo ragione nelle prossime ore andranno adottati provvedimenti sanitari importanti al principio della precauzione. Voglio sperare che a nessuno venga in mente di non coinvolgere la Regione nelle scelte che dovranno essere assunte”.

Di seguito il post condiviso da Nello Musumeci sulla propria pagina Facebook.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
coronavirus cronaca evidenza migranti Ultima Ora

ultimo aggiornamento: 24-06-2020


‘Ndrangheta, 21 arresti. Fermato anche Giorgio De Stefano, compagno di Silvia Provvedi

La Corte Costituzionale: “Pensioni di invalidità troppo basse”